In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Laura Boldrini a Trieste: "Dobbiamo ritrovare le radici comuni"

La presidente della Camera è intervenuta all'Università di Trieste per l'inaugurazione dell'anno scolastico del liceo Petrarca. Presenti anche i genitori di Giulio Regeni, a cui l'incontro è dedicato

1 minuto di lettura

TRIESTE «Abbiamo bisogno di ritrovare le nostre radici comuni». Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, nel corso della Lectio magistralis sugli art. 3 e 51 della Costituzione italiana, tenuta nell'Aula magna dell'Università di Trieste, in occasione dell' inaugurazione dell'anno scolastico del Liceo Petrarca di Trieste.

All'evento hanno preso parte anche i genitori di Giulio Regeni, Paola e Claudio Regeni, che hanno incontrato la Presidente della Camera prima della Lectio magistralis nel rettorato, dove si sono trattenuti per alcuni minuti.

L’intervento di Boldrini è stato introdotto dal rettore Maurizio Fermeglia, dalla dirigente scolastica Cesira Militello e dal professore di storia e filosofia del liceo Guido Pesante, ideatore e organizzatore del ciclo di incontri, istituito per delibera del consiglio d’istituto in memoria del giovane rapito e assassinato al Cairo nel 2016, che per due anni fu studente del Liceo Petrarca. 

Il gruppo del coro scolastico ha accolto la presidente della Camera intonando l’Inno di Mameli e l’Inno alla gioia.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) A Trieste la "lectio” di Laura Boldrini nel nome di Giulio Regeni]]

Tornando alla "lectio", in seguito alla crisi economica, secondo la Presidente, c'è oggi «un gran bisogno» di «senso di appartenenza, oggi più di ieri, perché la crisi economica di questi anni non ha avuto effetti soltanto economici: ha anche indebolito i legami sociali, ha fatto sì che ognuno si sentisse un pò più solo coi suoi problemi, avvertisse come più lontane, quasi estranee, entità come 'o Stato, le istituzioni, la politica, l'Europa».

«Le nostre radici comuni stanno esattamente nel testo fondamentale della Repubblica, la nostra bussola, il nostro Gps. Non è un testo polveroso che il primo gennaio prossimo festeggia i 70 anni», ha precisato la Boldrini.

I commenti dei lettori