Trieste, boom di iscritti nei licei Il Galilei blinda il primato

Studentesse davanti all’ingresso del loro liceo

Prosegue la corsa di scientifici, classici e linguistici scelti da due matricole su tre Da Vinci-Carli-Sandrinelli al top tra i tecnici. E l’informatica fa crescere il Volta

Cresce l’appeal dei licei, scelti da due matricole su tre, diminuisce l’interesse per istituti tecnici e professionali. È la fotografia che emerge dai dati delle iscrizioni alle scuole superiori della provincia, resi noti ufficialmente a pochi giorni dall’inizio delle lezioni. Dei 1.693 ragazzi che da lunedì prossimo frequenteranno le classi prime degli istituti di lingua italiana, infatti, ben 1.014 hanno scelto il liceo, mentre gli istituti tecnici e professionali sono stati preferiti da 784 ragazzi. Un trend in linea con quello registrato nel resto d’Italia, dal quale si discostano invece gli studenti delle scuole slovene (144 in tutto). In questo caso infatti le iscrizioni a licei e tecnici-professionali registrano una sostanziale parità.


Guardando ai numeri assoluti, balza all’occhio il primato indiscusso tra i licei del Galilei. Con i suoi 249 iscritti lo scientifico di via Mameli si conferma, come l’anno scorso, l’istituto con il maggior numero di studenti. Un numero che consentirà di formare ben 10 classi, di cui 4 a indirizzo scientifico e 6 di scienze applicate. «Questi dati confermano che siamo accoglienti e attrattivi, anche se i conti li faremo dopo i primi scrutini - commenta ironicamente la dirigente scolastica Lucia Negrisin -. Il percorso delle scienze applicate, in particolare, con un focus su biologia, scienze dei materiali e tante ore di laboratorio, riscuote molto interesse tra i ragazzi».

Secondo per numero di studenti iscritti alle classi prime è il liceo Petrarca, con 239 studenti, dei quali 61 all’indirizzo classico e 178 al linguistico.

Medaglia di bronzo invece per il liceo Oberdan, che quest’anno è stato preferito da 214 ragazzi: 94 hanno scelto l’indirizzo scientifico, 92 l’opzione scienze applicate, 28 la sezione sportiva. Per quest’ultimo percorso di studi, unico per la provincia in base al regolamento del Miur, le richieste erano state ben 54, perciò si è provveduto a stilare una graduatoria per l’ammissione in base ai parametri stabiliti dal Consiglio d’Istituto. Quarto posto per lo storico liceo Dante, che insieme al Carducci fa registrare 207 alunni iscritti alle classi prime: 17 per l’indirizzo classico, 26 per il linguistico, 76 per le scienze umane, 65 per le scienze umane con opzione economico-sociale, 23 per l’indirizzo musicale. Chiude la classifica dei licei l’artistico Nordio, con 105 studenti, un numero pressoché invariato rispetto all’anno scorso.


Sul fronte degli istituti tecnici e professionali invece è il maxi polo del Da Vinci-Carli-Sandrinelli a registrare come di consueto il più alto numero d’iscritti alle classi prime, con un boom per il Da Vinci con il suo indirizzo turistico e per l’indirizzo di Servizi socio-sanitari del Sandrinelli. Secondo posto per il Deledda-Max Fabiani, con 150 studenti, di cui 93 per l’indirizzo Chimica, materiali e biotecnologie e 57 per l’indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio. Segue a stretto giro di posta l’istituto tecnico Volta con 136 iscritti, di cui 35 per l’indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia, 29 per Elettronica ed elettrotecnica, 72 per Informatica e telecomunicazioni, che rispetto all’anno scorso cresce ancora. «Il boom dell’informatica è molto legato, credo, all’immaginario dei ragazzi, che ne sono fortemente attratti - dice la preside Clementina Frescura -. Ma il mercato del lavoro ci dimostra che non solo gli informatici, ma anche i periti meccanici ed elettrotecnici sono di nuovo molto richiesti». Chiude il conto l’istituto Nautico-Galvani, che fa registrare un totale di 136 studenti.


In controtendenza, come detto, i dati relativi alle iscrizioni al primo anno nelle scuole superiori con lingua d’insegnamento slovena. Dei 144 studenti iscritti alla classe prima di un istituto superiore di lingua slovena i liceali saranno 74, circa la metà, mentre gli iscritti a un tecnico sono 56 e i ragazzi che hanno scelto un professionale sono 14. Al liceo Prešeren saranno 54 i nuovi studenti, di cui 16 per l’indirizzo scienze applicate, 19 per lo scientifico, 15 per il linguistico e 4 per il classico. Al liceo Slomšek si sono iscritti in 20, di cui 7 all’indirizzo umanistico-pedagogico e 13 all’indirizzo economico-sociale. All’istituto tecnico statale Žiga Zois sono 12 gli studenti in prima, di cui 4 seguiranno l’indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e 8 l’indirizzo Costruzioni, ambiente, territorio. Infine al tecnico e professionale Stefan, scelto da 58 ragazzi, in 18 hanno scelto l’indirizzo Meccanica, in 13 Elettronica e sempre in 13 Chimica. Il professionale con indirizzo Grafica è stato infine scelto da 14 ragazzi.
 

Video del giorno

Animali altruisti: la storia di Koko, la gorilla che adottò il gattino

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi