Bono: la partita su Stx? Per Fincantieri finirà comunque bene

I cantieri navali di Saint Nazaire in Francia

L'amministratore delegato: discorso importante per l'Italia, per la Francia e per l'Europa. Ma il mondo comunque è vasto

TRIESTE «Per Fincantieri, comunque, tutto finirà bene»: lo ha detto l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, parlando con i giornalisti a margine della presentazione del libro di Matteo Renzi a Portopiccolo, oggi mercoledì 6 settembre, riferendosi alla partita sul controllo di Stx France. «Ci batteremo per il consolidamento dell'industria europea - ha aggiunto Bono - che riteniamo sia una cosa necessaria, però la salute dell'azienda non dipende da questo consolidamento».

«Noi - ha aggiunto l'ad - abbiamo lavoro per i prossimi 10 anni e quindi avremo anche modo, nei prossimi 10 anni, di vedere, se certe cose non avvengono oggi, se possono avvenire in un altro modo, in altri tempi e con chi».

Bono non ipotizza al momento un partner diverso dai francesi, ma «il mondo è tanto vasto - ha aggiunto - e alla fine, se non si vuole fare una politica europea, ognuno si deve guardare intorno nel mondo. Noi siamo già in America, in Cina; in Europa ci siamo, ma vogliamo esserci di più come europei». «Credo - ha aggiunto Bono - che sia un discorso importante per l'Italia, per la Francia e per l'Europa. È un segnale importante dopo anni di crisi industriale, dove per forza di cose si è parlato soprattutto della finanza. Se partiamo con progetti industriali - ha concluso Bono - credo che sia un vantaggio per tutti, anche per accelerare una ripresa che c'è ma che ha bisogno di consolidarsi». A chi sottolineava l'importanza dell'economia reale, Bono ha sorriso facendo un cenno di consenso.

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi