Panino e birra all’aperto: multa per 17 cantierini a Monfalcone

I cantierini escono con il pranzo al sacco dall'alimentari di via Pisini (Bonaventura)

Vigili urbani durante la merenda in via Pisani per l’ordinanza anti-alcol e bivacchi Tute blu in fuga. La titolare del negozio di alimentari: «Dimezzati i nostri clienti»

MONFALCONE Pausa pranzo fuori dal cantiere, tra panini e birre, con il “supplemento” di 50 euro. La multa affibbiata a una ventina di operai trovatisi di fronte a un conto tanto salato quanto inaspettato. Ciò che praticamente da sempre rappresenta il tipico “scenario” di Panzano, quando all’uscita dai tornelli i lavoratori, per lo più dell’appalto, affollano l’area pedonale e zone contermini per l’ora di ristoro, rischia di diventare una “sfida” alla nuova regola. Quella del divieto di consumo di alcol su suolo pubblico, come già previsto dal Regolamento di Polizia urbana, che è stato esteso al rione operaio attraverso un’ordinanza del sindaco.

 

 

A partire dal 17 luglio e fino al 15 agosto sono infatti “blindate” via Pisani e le immediate adiacenze del cantiere. Il primo controllo della Municipale a Panzano è avvenuto martedì. Ed è stato un pranzo “indigesto” per quei cantierini che si sono trovati davanti gli agenti a verbalizzare la violazione. Insomma niente alcol in strada, pena il verbale. Almeno se “pizzicati” a consumare seduti su gradini o rialzi, poiché nell’ambito di un pubblico esercizio, accomodati ai tavolini, la lattina di birra non paga pegno.

Sta di fatto che martedì, come al solito, un congruo numero di cantierini è sciamato verso l’area di via Pisani. Gli operai si sono riforniti al negozio di alimentari ormai di riferimento per la loro pausa pranzo. Tutto come sempre, con cartocci e bevande a trovare un angolo per pasteggiare, chi seduto su muretti, chi, meglio ancora con i “carboni” di “Lucifero” che imperversa in questi giorni, al riparo sotto l’ombra regalata dagli alberi dei giardini.

Finché è arrivata la pattuglia e sono iniziati i controlli. Non è mancato un certo fuggi-fuggi alla vista dei vigili urbani, sfoltendo l’assembramento di una quarantina di operai. Una seconda pattuglia è giunta in supporto. Alla fine sono stati multati in diciassette, ai fini del Regolamento, che all’articolo 7 prevede una sanzione da 25 fino a 150 euro. Per tutti 50 euro.

La prima “visita” della Municipale a Panzano dall’entrata in vigore dell’ordinanza ha suscitato sorpresa e obiezioni. La titolare dell’alimentari, Sabina De Cecco, ha voluto chiedere ragioni agli agenti vedendosi parare davanti lo spettro del calo dei clienti. I suoi clienti abituali, i cantierini. La commerciante ha chiamato anche i carabinieri volendo approfondire la situazione. C’è stato chi, tra gli operai, ha fatto presente di aver consumato acqua minerale. «Ma chi lo stabilisce? I carabinieri gli hanno consigliato di andare a farsi un esame del sangue all’ospedale, in mancanza dell’alcoltest», ha raccontato ieri Sabina De Cecco, visibilmente preoccupata. «Il fatto è – ha spiegato la commerciante – che io lavoro con i cantierini, la mia è una piccola impresa. Se gli operai iniziano a prendere paura per le multe al mio negozio non ci vengono più. E chi li recupera poi?». Ieri la donna ha sistemato un paio di tavolini all’esterno dell’attività. «Non possono certo risolvere il problema - ha osservato -. I vigili hanno detto che torneranno ancora a fare i controlli. Ho già constatato la perdita di clienti. Così va a finire che chiudo. Ho sempre contribuito a tenere pulita l’area dove sostano i lavoratori e li ho sensibilizzati in tal senso. Si tratta di un’ora e poi tutto torna in ordine».

Ma la regola anti-alcol su suolo pubblico vale per tutti. Lo ha chiarito il comandante della Municipale, Manuela Solidoro: «L’articolo 7 del Regolamento di Polizia urbana dispone il divieto di consumo di bevande alcoliche su suolo pubblico individuandone anche le vie e le aree cittadine. Il divieto è stato esteso a Panzano in virtù dell’ordinanza sindacale entrata in vigore il 17 luglio e valida fino al 15 agosto, in particolare nella zona pedonale di via Pisani e nelle immediate vicinanze del cantiere, nonché in tutte le zone di parcheggio e pertinenze aperte al pubblico di supermercati e centri commerciali cittadini». La comandante ha continuato: «Abbiamo comunque eseguito una serie di giri per avvisare e informare circa le nuove regole. Abbiamo anche inoltrato il Regolamento a Fincantieri affinché gli operai vengano sensibilizzati».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi