In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Golfo di Pirano: il 29 giugno il verdetto dell'arbitrato

Dopo 30 anni sarà chiarita la disputa sul tracciato del confine marittimo tra Croazia e Slovenia.

1 minuto di lettura

Il verdetto nella vicenda dell'arbitrato internazionale sul confine marittimo tra la Croazia e Slovenia nel Golfo di Pirano, nel nord Adriatico, sarà reso noto il 29 giugno prossimo.

Lo ha annunciato la Corte permanente di arbitrato con sede all'Aja. La disputa sul tracciato del confine marittimo tra le due ex repubbliche jugoslave dura da quasi trent'anni, ovvero da quando i due Paesi hanno proclamato la loro indipendenza e la frontiera interna è diventata internazionale.

Per sbloccare nel 2009 i negoziati di adesione della Croazia all'Unione europea, la Slovenia ha insistito su di un accordo speciale per un arbitrato ad hoc, consapevole probabilmente che l'applicazione unicamente delle regole del diritto internazionale l'avrebbero lasciata senza un accesso alle acque internazionali nel Golfo di Pirano, fattore considerato di importanza strategica per il Paese.

Nel 2015 però, la stampa di Zagabria ha pubblicato il contenuto di una serie di telefonate tra un giudice sloveno, membro della Corte per arbitrato che deve stabilire il confine, e una alta funzionaria del ministero degli Esteri di Lubiana, dale quali si poteva desumere che la parte slovena avesse cercato di influire in modo sleale sulla delibera a proprio vantaggio.

Di conseguenza la Croazia si è unilateralmente ritirata dall'arbitrato, proponendo a Lubiana negoziati bilaterali. La Slovenia invece sostiene, come anche la Corte dell'Aja, che il carattere delle telefonate non fosse tale da compromettere la validità dell'intero processo, che, dopo una breve sospensione, è ripreso per terminare il 29 giugno prossimo.

I commenti dei lettori