Ex Jugoslavia, i “padri” di Arkan tornano alla sbarra al tribunale dell’Aja

Celebre immagine di Željko Ražnatović, criminale meglio conosciuto come Arkan

Processo a carico di Jovica Stanisić e Franko Simatović all’epoca numero uno e due dei servizi di sicurezza serbi 

BELGRADO. Di nuovo sul banco degli imputati, per un ultimo processo. E sarà un procedimento importante, una delle ultime occasioni per dimostrare un collegamento diretto tra altissimi funzionari vicini a Milosevic e i crimini compiuti dai paramilitari serbi in Croazia e in Bosnia. Il dibattimento è iniziato ieri all’Aja, in un tribunale Onu, contro Jovica Stanisić e Franko Simatović, rispettivamente numero uno dei servizi di sicurezza di Belgrado (Db) e il suo vice ai tempi delle ultime guerre balcaniche, i “padri” putativi dei più feroci paramilitari serbi, tra cui le Tigri di Arkan, secondo l’accusa.

Stanisić e Simatović che non sono facce nuove, nelle Corti di giustizia internazionale. Dal 2008 al 2013, il Tribunale penale per l’ex Jugoslavia li aveva infatti messi in stato d’accusa per gli stessi gravissimi capi d’imputazione.



I due erano incolpati di aver contribuito a costituire e di aver appoggiato logisticamente e finanziariamente alcuni fra i più sanguinosi gruppi paramilitari impegnati nelle campagne di pulizia etnica e saccheggio in Croazia e in Bosnia, tra il 1991 e il 1995, unità e milizie segrete pensate per ripulire dai non serbi aree appetite da Belgrado.

Due alti funzionari in giacca e cravatta che, dai loro uffici di Belgrado, avevano «diretto e organizzato, equipaggiato, addestrato e finanziato», su ordine di Milošević, criminali come i “Berretti rossi”, gli "Scorpioni" e anche le “Tigri” di Arkan, si legge nelle carte del Tpi.

Tpi che, nel 2013, ritenne tuttavia che non ci fossero prove sufficienti per dimostrare che i due imputati fossero pienamente consapevoli della relazione tra l’assistenza da loro fornita ai paramilitari e i crimini di guerra perpetrati. Da qui l’assoluzione, che causò polemiche e veementi critiche, soprattutto da parte di vittime e sopravvissuti, ma anche di “insider” del Tpi, come il giudice Frederik Harhoff.

Harhoff, in una lettera finita nel 2013 sui giornali, aveva suggerito l’esistenza di un “ammazzasentenze” all’Aja, al lavoro dietro le quinte per evitare di creare precedenti pericolosi, magari per futuri imputati con il passaporto di grandi potenze occidentali, personalità ai vertici del potere da non condannare perché, richiamandosi al precedente Stanisic e Simatovic, non avevano «un’intenzione diretta di commettere i crimini» loro addebitati. Sentenza che aveva fatto scandalo, ma che era stata ribaltata dalla Camera d’appello del Tribunale Tpi, che nel 2015 aveva ordinato la riapertura del processo. Nuovo processo iniziato appunto ieri al cosiddetto “Meccanismo Onu per i Tribunali Penali Internazionali”.

Le accuse contro Stanisić e Simatović, sempre le stesse: «omicidio, persecuzione, deportazione e atti inumani». E saranno provate senza ombra di dubbio, questa volta, ha promesso la procura, che ha ricordato gli «arresti arbitrari, stupri, violenze, omicidi» commessi dai paramilitari e sottolineato che «gli accusati ebbero un ruolo importante» affinché «tutto ciò accadesse».

Accusati, ha rievocato ieri il procuratore Douglas Stringer, che «erano al vertice dell’intelligence» serba e che crearono gruppi paramilitari per “facilitare” la pulizia etnica, la «deportazione permanente» dei non serbi e la creazione «della Grande Serbia», tutto sotto l’occhiuta sorveglianza di Milošević.

Rimane da vedere cosa decideranno i giudici, in un processo che si prevede lungo. E complicato. Nessun crimine può essere direttamente attribuito a Stanisic e Simatovic, ha ribadito nel frattempo il famoso avvocato serbo Toma Fila, forte di una grande esperienza come legale al Tpi. L’accusa che i due controllassero «i Berretti rossi, Arkan e gli Scorpioni» è indimostrabile, ha ribadito Fila alla Tv serba Pink. La parola finale, ancora una volta, spetta però ai giudici, in uno degli ultimi storici processi internazionali sui massacri nella ex Jugoslavia.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Comunali 2022, primo dibattito pubblico tra candidati sul futuro di Gorizia

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi