Focolai lungo i binari, disagi sulla Trieste-Venezia

Operazioni di spegnimento lungo i binari al Lisert (foto Protezione civile)

Clima secco e scintille al passaggio dei treni innescano numerosi incendi: Protezione civile e vigili del fuoco di Monfalcone impegnati per ore tra Lisert e Duino

MONFALCONE Focolai a catenta lungo la linea ferroviaria Trieste-Venezia, nell’area compresa tra Duino e il Lisert. Nella tarda mattinata di sabato 10 giugno, è scattata la mobilitazione. La solita, annosa, questione, quella delle “fiammate” lungo i binari che sovrastano Monfalcone. Ogni estate, la combinazione del clima caldo e della vegetazione secca costituisce un costante frangente di rischio.

Anche questa volta, tuttavia, grazie alla tempestività degli interventi da parte degli operatori del soccorso, e alla rapidità dell’allerta, tra cui non sono mancate una serie di segnalazioni da parte dei cittadini, l’evento è stato debitamente circoscritto. La situazione è stata superata in breve tempo, ma gli operatori in campo hanno lavorato a lungo. Tutto, infatti, si è concluso verso le 17.

 

La vegetazione bruciata dal rogo (foto Protezione civile)

 

A entrare in azione sono state numerose squadre, tra vigili del fuoco, volontari della Protezione civile e gli uomini della Forestale. Tutti alle prese con lo spegnimento dei focolai che hanno “costellato” un tratto di linea ferroviaria interessato dai territori di Duino fino a Monfalcone, compresa Medeazza. Squadre e mezzi si sono così concentrati sui focolai diffusi e distinti. Un’operazione sinergica e senza soluzione di continuità per avere ragione sui “punti di fuoco” evitando il propagarsi ulteriore delle fiamme.

Lo spegnimento dei focolai è stato seguito dalla relativa bonifica e dalla messa in sicurezza definitiva. A lavoro ultimato, le prime valutazioni: sono stati una decina i siti di comustione della sterpaglia a ridosso della linea ferroviaria, è stato riferito. Una modalità riconducibile, come è stato sempre ipotizzato, al passaggio dei convogli ferroviari. Sprigionamento di scintille che hanno trovato facile attecchimento tra la sterpaglia a ridosso dei binari.

«Si tratta in genere di scintille provocate dai gruppi di freno e delle ruote, oppure di ceppi di freni incandescenti che si “sganciano” finendo tra la vegetazione circostante la linea ferroviaria», ha osservato il coordinatore della Protezione civile di Monfalcone, Andrea Olivetti.

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi