In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

A Grado sciame di seimila api invade il Mandracchio

Gli insetti si sono posati su un grande vaso, spaventando i passanti. Catturati dall’apicoltore

1 minuto di lettura

GRADO. Uno sciame d’api su una palma dell’aiuola spartitraffico di piazza Marinai d’Italia, sull'Isola d'oro, ha di fatto bloccato la zona del porto per circa quattro ore. A risolvere la situazione è giunto a Grado un apicoltore di San Canzian d’Isonzo che ha lavorato duramente per cercare l’ape regina. Individuata questa, tutte le altre l’avrebbero seguita. La ricerca è stata decisamente lunga e difficile in quanto le api si trovano all’interno della palma.

«È un piccolo sciame - dice Andrea Chicco, apicoltore e tecnico del Consorzio Apicoltori provinciale - ma potrebbe essere di 5, forse 6 mila api. Solo che il recupero è difficilissimo in quanto la palma è piena». Dall’interno del suo negozio a un certo momento, verso le 17.30, Gianluca Pastoricchio, si è accorto che dinnanzi, proprio attorno alla palma si era creata una sorta di nuvola grigia.

Pastoricchio ha chiamato i vigili del fuoco che a loro volta hanno girato la chiamata a Chicco che aveva dato la sua disponibilità per questi interventi. L’apicoltore ha posto in mezzo alla palma una mini casetta in polistirolo dove pian piano le api sono entrate. Lo hanno fatto ancor di più quando ha incominciare a tramontare il sole. A far servizio in quella zona del porto tre vigili urbani che avvisavano i pedoni e i ciclisti di fare la massima attenzione consigliandoli anche di dirigersi verso altre vie laterali. Gli unici a transitare tranquillamente gli automobilisti con i finestrini abbassati.

I commenti dei lettori