In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il mistero del dinosauro Laura svelato dalla Tac

L’esame del cranio servirà a capire se il dinosauro appartiene a una nuova specie finora sconosciuta alla scienza, come ipotizzato da alcuni studiosi belgi

1 minuto di lettura

TRIESTE Il dinosauro Laura, esposto fino al primo maggio nella Palazzina Aiat di Sistiana dalla cooperativa Gemina, potrebbe appartenere a una specie nuova, finora sconosciuta alla scienza. È quanto ipotizzato dagli studiosi del Museo di Storia naturale e dell’Università di Bruxelles, che hanno messo in discussione l’appartenenza di Laura al genere Prosaurolophus (un dinosauro dal becco d’anatra vissuto nel Cretaceo superiore nel Nord America all’incirca 75 milioni di anni fa). Laura, infatti, ha sì molte caratteristiche dei Prosaurolophus, ma mostra anche strutture uniche che fanno pensare a qualcosa di diverso.

 

[[(MediaPublishingQueue2014v1) Il mistero del dinosauro Laura svelato dalla Tac]]

 

Per appurarlo, nei giorni scorsi, in collaborazione con gli Ospedali di Trieste, il cranio di Laura è stato sottoposto a una Tac all’Ospedale Maggiore - grazie alle sapienti cure del tecnico Martina Kanobelj e del medico Fabio Cavalli - in modo da delineare correttamente le strutture delle ossa che lo compongono.

 

Il cranio del dinosauro Laura sottoposto a Tac

 

Si è trattato di un’operazione delicata che permetterà di acquisire le informazioni sulle ossa che compongono il cranio di Laura. Solo riuscendo a separare virtualmente osso da osso e riconoscerne forma e dimensioni sarà possibile accertare se l’ipotesi degli studiosi belgi corrisponde a verità: per loro Laura è un nuovo dinosauro, sconosciuto finora. Un nuovo genere e una nuova specie.

 

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Il dinosauro “Laura” ritorna in pubblico ed è esposto a Sistiana]]

 

Ad aggiungersi quindi alle caratteristiche già uniche e straordinarie che possiede il reperto - le dimensioni enormi, la presenza di pelle, la struttura originale oltre l’80% - il fossile ha ottime possibilità di essere nuovo per la scienza. Se così fosse la Zoic di Trieste che ha curato la preparazione del reperto aggiungerebbe al suo curriculum un’altra pietra miliare nel campo della paleontologia. Un dinosauro il cui nome andrebbe ad aggiungersi alla lista dei tanti conosciuti e ridurrebbe il divario con le enormi lacune che ancora esistono nel campo dei fossili.

 

[[(MediaPublishingQueue2014v1) Il dinosauro Laura ricostruito al Villaggio del pescatore di Duino]]

 

In attesa dell’esito della Tac per la classificazione certa di Laura – che giungerà nelle prossime settimane -, curiosi e appassionati faranno bene ad affrettarsi per non perdere la visione di questo esemplare, che ha richiesto ai laboratori Zoic ben 5.760 ore di lavoro per estrarre le ossa dalla matrice, consolidarle e restaurare le parti mancanti dello scheletro. Ci sono solo due giorni per ammirare Laura all’ex Aiat di Sistiana: il dinosauro potrà essere visto domenica 30 aprile e lunedì 1° maggio dalle 10 alle 18.

I commenti dei lettori