Villaggio del Pescatore: il dragaggio del canale va veloce

Gli assessori regionali Sara Vito e Mariagrazia Santoro durante il sopralluogo al Villaggio del pescatore

Sopralluogo della Regione. Opere chiuse entro maggio con un mese di anticipo

DUINO AURISINA. Saranno ultimati entro maggio, con un mese di anticipo rispetto al previsto, i lavori di dragaggio del canale di accesso al Villaggio del pescatore e delle sue diramazioni, in particolare quelle del comprensorio del canale est ovest in zona Lisert di Monfalcone.

Lo hanno annunciato ieri, al termine di un sopralluogo sul posto, gli assessori regionali Mariagrazia Santoro (Infrastrutture e territorio) e Sara Vito (Ambiente ed energia). L’intervento, dal costo di un milione e 200mila euro, di cui si è fatta interamente carico l’amministrazione regionale, è frutto di «una programmazione organica e articolata - ha detto Vito - che ha visto la collaborazione di vari soggetti, fra i quali l’Arpa». Per l’esecuzione è stato delegato il Consorzio industriale.

Prima di poter iniziare i lavori, è stata sottoscritta una convenzione con la stessa Arpa, in modo da avere un adeguato supporto nelle fasi di progettazione, realizzazione e monitoraggio. Nel corso del procedimento amministrativo sono stati ottenuti anche i pareri favorevoli della Soprintendenza archeologica, delle belle arti e del paesaggio del Friuli Venezia Giulia, l’autorizzazione paesaggistica del Servizio paesaggio e biodiversità, il parere positivo della Commissione Pesca.

«L’amministrazione regionale - hanno ricordato Santoro e Vito - ha valutato che il dragaggio, atteso da decenni, riveste particolare importanza, sia nell’ambito del sistema idroviario, sia perché qui si tratta dell’unico accesso al comprensorio nautico industriale del canale est ovest». Il Consorzio di Monfalcone, dopo l’approvazione del progetto, ha avviato una procedura di gara d’appalto che prevedeva il criterio del massimo ribasso con offerta prezzi. Alla gara sono state invitate 17 imprese, 8 delle quali hanno presentato la necessaria documentazione. 

L’aggiudicazione della gara, con un ribasso del 16,965 per cento, è andata alla società Opemar srl, con sede a Latisana, che ha potuto avviare i lavori nei primi giorni di marzo. L’opera ha dato concreta e positiva risposta alle istanze e alle preoccupazioni espresse dai cantieri navali del comprensorio industriale del canale est ovest di Monfalcone e ai cantieri, circoli sportivi e nautici del Villaggio del pescatore.

Ieri, ad accogliere le due esponenti della giunta Serracchiani sono stati i presidenti delle tre società nautiche del Villaggio del pescatore: Alberto Bazzeo della Laguna, sodalizio prossimo a festeggiare i 40 anni di attività, Andrea Bagat della polisportiva San Marco e Dario Danese della Duino 45 Nord, e quello del Consorzio industriale di Monfalcone, Gianpaolo Fontana. A lavori ultimati, il bacino del Villaggio del pescatore e quello in direzione di Monfalcone potranno ospitare fino a un massimo di 2mila imbarcazioni da diporto. «Questi interventi - ha sottolineato Santoro - che sembravano impossibili, devono diventare ordinaria amministrazione, il tutto per l’impegno di questa giunta». «Si sta rispettando il cronoprogramma - ha osservato Vito - a conferma della disponibilità di tutti i soggetti coinvolti».

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi