Marina Julia strappa lo “status” turistico

Le attività commerciali potranno tenere l’insegna accesa a Pasqua e Ferragosto senza incorrere nel rischio di sanzioni

Marina Julia, stavolta, canta vittoria. È vero che il bello, sul golfo di Panzano, deve ancora venire, visto che gli investimenti per rendere attrattivo e sempre più popular l’arenile a un tiro di schioppo dal centro urbano sono appena iniziati, ma è certamente un buon inizio la notizia che la Regione ha accordato il fatidico status di località a «prevalente economia turistica». Un titolo di cui Marina Julia e Marina Nova potranno fregiarsi già tra una settimana, allorquando le celebrazioni della Pasqua raggiungeranno il culmine, con la migrazione delle famiglie, in caso di bel tempo, sul litorale per una scampagnata o anche solo una passeggiata digestiva dopo laute libagioni.

Un’occasione d’oro per bar, panificio e market che si affacciano sul mare: in virtù dello status appena conseguito potranno tenere l’insegna accesa e far lavorare i registratori di cassa. Idem per l’altro super-festivo che, nei territori non turistici, vede per legge le serrande abbassate, cioè Ferragosto. Quando fino all’altr’anno, a causa di una kafkiana burocrazia, i commercianti di Marina Julia erano costretti all’astensione dal lavoro proprio nel momento in cui i bagnanti si riversavano sulla spiaggia per festeggiare il culmine dell’estate.

Dunque è servita la lettera inoltrata dall’amministrazione Cisint, lo scorso 20 marzo, per porre la questione. Destinatario: Direzione centrale delle Attività produttive, turismo e cooperazione. Il Comune aveva fatto leva sull’articolo 30 della legge regionale numero 29 del 2005, in materia di deroghe sul commercio, chiedendo appunto «il riconoscimento dell’area del litorale monfalconese quale zona a prevalente economia turistica». Ciò in considerazione della circostanza che a Marina Julia «si rileva un afflusso turistico occasionale durante tutto l’anno, afflusso che diventa molto rilevante durante la stagione estiva, sia per la fruizione dei servizi offerti dagli stabilimenti balneari ivi presenti (elioterapia e balneazione) che per il richiamo legato a eventi ricorrenti organizzati in questi ultimi anni dalle amministrazioni comunali». Giusto per dare qualche numero, nel 2016 le presenze sono state complessivamente 79.612, con 8.457 arrivi. Il picco si è avuto ad agosto rispettivamente 30.844 e 3.034 unità.

Una prima comunicazione sull’esito dell’istruttoria è pervenuta dal direttore del Servizio commercio Paolo Delfabro. Ma la conferma ufficiale, dopo la delibera di giunta effettivamente varata, è arrivata infine dalla segreteria generale della Regione. L’atto sarà formalmente pubblicato domani o dopodomani. Si tratta di un passaggio cruciale per le attività sul litorale, come accennato, che potranno così legittimamente esercitare anche quando le botteghe devono per legge osservare la chiusura. Una tessera di un puzzle, quello che compone la progettazione su Marina Julia, che si incastra con altre, per esempio lo studio delle attività per favorire l’intrattenimento e la frequentazione delle spiagge cittadine. «Rispetto alla formula confezionata lo scorso anno - spiega il sindaco Anna Cisint - puntiamo ad “acchiappare” il fruitore al termine della tintarella, cercando di farlo rimanere ancora sul litorale, perché abbiamo visto che la formula del ritorno in serata dopo una giornata di mare non funziona. Infatti agli spettacoli notturni in Marina non si vedeva anima viva». «Noi punteremo piuttosto a ritardare il rientro e a far sì che le persone - aggiunge - permangano più tempo sul litorale. Allo scopo, per esempio, stiamo accordando i permessi a un “frittolin”, che si collocherà a destra del chiosco La Playa, in modo da fornire un servizio di ristorazione aggiuntivo sull’arenile. Ciò si aggiungerà ai campi da beach-volley e tennis». Poi ci sono anche gli sforzi sul settore dell’animazione. Il Comune sta predisponendo un calendario di eventi, a partire dal 20 giugno e fino alla Barcolana, per offrire momenti di attività e interesse alla popolazione che fruisce delle spiagge cittadine. L’ente sta anche studiando la possibilità di riproporre la tradizione dei fuochi d’artificio a Marina Julia: al momento si stanno cercando fondi a sostegno dell’intervento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi