In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Sette discendenti delle vittime del regime di Pavelic citano in giudizio la Croazia

Parte dagli Usa la causa di esponenti delle comunità serba, ebraica e rom: chiesto un risarcimento di 3,5 miliardi di dollari

di Giovanni Vale
2 minuti di lettura

ZAGABRIA. Le vittime del regime di Ante Pavelic fanno causa alla Croazia. Il quotidiano zagabrese Vecernji List ha rivelato ieri che un'azione legale contro la Repubblica croata è stata presentata, in un tribunale americano, da alcuni discendenti delle vittime dello Stato indipendente di Croazia (Ndh), che governò tra il 1941 e il 1945. Alle attuali autorità di Zagabria, questi esponenti delle comunità serba, ebraica e rom massacrate dalla dittatura ustascia chiedono 3,5 miliardi di dollari a titolo di risarcimento.

Si tratta, secondo quanto riportato dal giornale croato, di una class action volta a difendere i diritti di tutti i familiari di coloro che perirono in Croazia durante la Seconda guerra mondiale a causa delle persecuzioni di Pavelic, al tempo alleato della Germania nazista e dell'Italia fascista. E anche se il ministero degli Esteri di Zagabria ha assicurato che l'azione legale non avrà seguito, la causa ha intanto riaperto il caso dei beni confiscati dal regime ustascia e mai restituiti.

Un gruppo di agguerriti discendenti. Il caso che ha riportato alla ribalta le vicende del Ndh, tanto da guadagnarsi la prima pagina di Vecernji List, è stato iniziato da sette cittadini americani originari dei Balcani che, a nome dei parenti delle vittime del regime ustascia, hanno presentato un ricorso contro la Croazia davanti al tribunale di Chicago. L'azione legale, voluta da Lizabeth Lalich, Mladen Djuricich, Robert Predrag Gakovich, Veljko Miljus, Bogdan Kljaic, David Levy e Daniel Pyevich, risale al maggio 2016 ma è "atterrata" al ministero degli Esteri croato, attraverso l'ambasciata americana, soltanto lo scorso 27 febbraio.

Miliardi di dollari. Nel dettaglio, Lalich e gli altri firmatari chiedono 3,5 miliardi di dollari (circa 3,3 miliardi di euro) per danni materiali, relativi alle proprietà confiscate e alle sofferenze dei parenti nei campi di concentramento. Il più celebre, in proposito, fu senza dubbio il lager di Jasenovac in cui morirono più di 83mila persone, perlopiù serbi, ebrei e rom.

Elemento implicito nella causa è il fatto che la Croazia sia l'erede legale legittimo del Ndh e che possa quindi essere chiamata a rispondere dei crimini commessi da quest'ultimo. Una tesi che il ministero degli Esteri di Zagabria rifiuta però in toto. Lo stesso ministero ha infatti confermato a Vecernji List di aver ricevuto notizia dell'azione legale, ma si è affrettato ad aggiungere - ufficiosamente - che si tratta di un atto «insignificante» poiché la Repubblica croata, nata nel 1991, non può in alcun modo essere ritenuta responsabile di quanto commesso dal regime di Pavelic durante la Seconda guerra mondiale. Non solo, una fonte ministeriale ha precisato al giornale che è sufficiente guardare al Preambolo della Costituzione croata per trovare la risposta.

Cosa dice la costituzione. Il testo «statuisce chiaramente che la Croazia fonda la sua sovranità su quanto espresso dalla decisione dello Zavnoh e non del Ndh», spiega la fonte, facendo riferimento al Consiglio antifascista di Stato per la liberazione popolare della Croazia (Zavnoh). Insomma, le radici della repubblica odierna si trovano nella lotta di liberazione e non nella dittatura ustascia.

Un dibattito ancora acceso. Ma, come si diceva, anche se la causa è destinata ad un nulla di fatto - come prevede anche il docente di diritto costituzionale Mato Palic, intervistato dal portale Birn - il dibattito che intanto ha sollevato è consistente. La Comunità ebraica croata, infatti, ha richiesto a più riprese che il diritto alla restituzione dei beni confiscati dal regime comunista venga esteso anche alla parentesi fascista. Una domanda che diversi governi croati hanno però respinto, considerandosi appunto non legati al Ndh. Ma per il presidente del comitato delle comunità ebraiche, Ognjen Kraus, è l'enorme valore dei beni confiscati a rappresentare un problema per Zagabria.

I commenti dei lettori