In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Rogo di San Pier, nulla osta ai funerali

Ultimo saluto a Luigi Zandomeni mercoledì mattina nella chiesa parrocchiale. La Procura attende la relazione sull’autopsia

2 minuti di lettura

SAN PIER D’ISONZO. La Procura della Repubblica di Gorizia ha rilasciato il nulla osta alla sepoltura: la salma di Luigi Silvano Zandomeni, il 77enne vedovo morto nell’incendio della villetta di via 25 aprile, lo scorso mercoledì, è nella disponibilità dei familiari per la celebrazione del funerale.

 

Anziano morto a San Pier: la villa dopo il rogo

 

Rito fissato mercoledì 15 febbraio alle 11 nella chiesa parrocchiale di San Pier d’Isonzo. Il feretro, che poi verrà cremato, partirà dall’ospedale di Monfalcone, nel cui obitorio sabato scorso ha avuto luogo l’esame autoptico, disposto dal sostituto procuratore Paolo Ancora, sul cadavere dell’uomo, per accertarne le cause del decesso.

 

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Muore nella villetta in fiamme a San Pier d'Isonzo FOTO]]

 

«L’incarico è stato conferito a un professionista e confermo il rilascio del nulla osta alla sepoltura di Zandomeni - ha affermato ieri mattina il Procuratore generale Massimo Lia -, relativamente agli esiti dell’autopsia è prematuro fornire informazioni perché l’esame, da un punto di vista legale, è complesso e richiederà tempi lunghi a causa delle condizioni del cadavere. Per questo non possiamo dare indicazioni orientative se la vittima sia spirata per le esalazioni dei gas sprigionati dal fumo scaturito dal rogo o per gli sviluppi del fuoco sul povero corpo». C’è anche da capire, e questa risposta la dovrà consegnare nella sua relazione sempre l’anatomopatologo, se prima che le fiamme avvolgessero l’intera abitazione di San Pier non fosse sopravvenuto un malore, l’uomo cioè non fosse stato colto da eventuale infarto, circostanza che gli avrebbe impedito del tutto ogni reazione nel successivo incendio.

 

Muore nel rogo della sua villetta a San Pier d'Isonzo

 

Le indagini, coordinate dal comando dei carabinieri di Gradisca, competente per la zona, stanno proseguendo al fine di accertare l’esatta dinamica e l’origine dell’imponente rogo che sei giorni fa si è scatenato in via 25 aprile.

 

[[(MediaPublishingQueue2014v1) Brucia una villetta, un morto a San Pier]]

 

Luigi Silvano Zandomeni, padre di Fulvio e zio del sindaco Riccardo, è stato trovato nel soggiorno, al pianoterra. In quella stanza si trovava il caminetto e anche questo aspetto è sottoposto al vaglio degli inquirenti. Dopo la scomparsa della moglie l’anziano viveva da solo nella villa e per questo nessuno ha potuto soccorrerlo in tempo. Quando vicini e passanti hanno dato l’allarme era ormai troppo tardi.

 

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) L’anziano morto nel rogo trovato vicino al camino]]

 

Intanto nei giorni scorsi sono continuati i sopralluoghi e le ispezioni in via 25 aprile, dove l’abitazione incendiata è stata posta, com’è prassi, sotto sequestro. Tutto, all’interno, è andato distrutto dalle fiamme che dopo aver preso piede si sono alimentate nell’aggredire mobili, arredamenti, tessuti e la scala in legno di collegamento al piano superiore. Al momento carabinieri e vigili del fuoco, intervenuti mercoledì sera per sedare il devastante rogo, non escludono alcun dettaglio. Sul tappeto anche eventuali o possibili responsabilità circa la sicurezza e lo stato di manutenzione degli impianti dell’abitazione di Zandomeni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori