A Trieste la posta arriva con un mese di ritardo

Un postino al lavoro

Auguri di Natale a gennaio e bollette scadute: cittadini esasperati dalla lentezza della consegna della corrispondenza e dai disservizi continui . La frustrazione degli addetti ai lavori: «Noi facciamo i salti mortali ma il sistema non regge più»

TRIESTE Volantini con le offerte natalizie recapitati a metà gennaio, bollette consegnate dopo la data di scadenza, lettere che ci mettono due settimane per arrivare da piazza Oberdan a Opicina, ricevute di ritorno che non riescono a ritrovare il mittente di una raccomandata: il sistema di consegna della posta in provincia di Trieste sembra essere al collasso. I malumori di molti cittadini, emersi prepotentemente in queste ultime settimane, sono stati confermati anche da diversi dipendenti delle Poste italiane che, pur continuando «a fare i salti mortali per portare a termine il proprio compito», non sembrano più intenzionati a rimetterci la faccia «per un servizio che ormai fa acqua da tutte le parti».

 

 

A essere finita nell’occhio del ciclone è la consegna della posta a giorni alterni, un sistema che è stato introdotto a partire dallo scorso novembre insieme alla nascita delle nuove aree di suddivisione del territorio. «Inizialmente questo metodo di consegna della corrispondenza era stato pensato per le zone rurali - spiega un postino che però chiede di rimanere nell’anonimato -, quelle aree isolate, come possono essere le comunità montane, dove non è necessario, o comunque è antieconomico, consegnare la posta ogni giorno. Questa opzione, invece, è stata introdotta anche a Trieste, andando a congestionare un sistema che adesso non si regge più in piedi». La mole di lavoro che prima spettava a due portalettere, in pratica, adesso grava sulle spalle di un solo dipendente. Il personale destinato alla consegna della posta è stato quasi dimezzato, fra prepensionamenti e cambi di mansione. La consegna a giorni alterni, inoltre, ha fatto in modo che un postino non riesca a passare nella stessa via più di una o due volte a settimana.

«Stiamo andando a cento all’ora per cercare di garantire un servizio decoroso - precisa il dipendente delle Poste -, ma ormai la gente non ce la fa più, senza contare che basta una malattia per mandare l’organizzazione in tilt. La posta, in questo modo, si accumula e diventa più difficile smaltirla. Chi lavora in strada, porta a porta, ha ormai dei carichi di lavoro difficilmente sostenibili».

 

 

Se è vero che non vengono più spedite fatture, cartoline di auguri o di saluti dai luoghi di villeggiatura, è altrettanto vero che sono aumentate le spedizioni di bollette e di pacchi di ogni genere. Tanto più che Amazon, una delle più grandi aziende legate al commercio elettronico, ha stretto un accordo con le Poste italiane per la consegna dei propri prodotti.

Questo «meccanismo perverso» finisce per creare dei disagi agli utenti, ai privati cittadini o alle aziende che si trovano a dover fare i conti con un sistema che a questo punto è diventato assolutamente imprevedibile. C’è chi non riceve più bollette dalla Telecom da quasi tre mesi, chi invece ha atteso un pacco dall’Asia per più di tre mesi, chi ha ricevuto gli auguri di Natale a il 24 gennaio (spediti a Trieste) e bollette già scadute da giorni.

 

 

La replica di Poste italiane è affidata a una nota diffusa dall’Ufficio comunicazione delle Poste Nordest. «Poste italiane informa che la nuova organizzazione del recapito attuata a Trieste, a partire dal 7 novembre 2016, ha ridefinito le zone di recapito affidate a tutti i portalettere della provincia, con la conseguente necessità di acquisire nuova dimestichezza con gli indirizzi di famiglie, imprese, enti e associazioni». Diamo tempo ai postini di imparare le nuove vie, sembra suggerire la missiva delle Poste, che specifica che «il nuovo modello organizzativo fa parte di un processo di profonda riforma del servizio postale universale, in linea con le nuove e diverse esigenze della clientela, sia in termini di velocità, che in termini di frequenza di recapito».
 
I disservizi, inoltre, sarebbero coincisi con «un periodo, quello di fine anno, durante il quale i volumi si intensificano e con delle avverse condizioni meteorologiche che hanno ostacolato, anche per motivi di sicurezza degli operatori, il funzionamento del servizio di recapito che nelle prossime settimane potrà essere normalizzato». 
 
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Crema spalmabile di lattuga, noci e feta greca

Casa di Vita
Video del giorno

I dieci versi dalle canzoni di Battiato da appuntarsi e non dimenticare

La guida allo shopping del Gruppo Gedi