Il Comune di Muggia vara il restyling del capannone dei carri

Lavori di preparazione sui carri in un Carnevale muggesano (foto di archivio)

Stanziati quasi 110mila euro per i lavori ai serramenti dell’edificio di via Trieste. L’intervento sugli storici locali usati dalle compagnie era atteso da anni

MUGGIA. Rifacimento del look in vista per i magazzini comunali muggesani di via di Trieste. Gli storici locali siti al numero civico 8, utilizzati dalle otto compagnie del carnevale rivierasco e da tempo al centro di una richiesta di riqualificazione da parte dell’Associazione delle compagnie, saranno oggetto di una manutenzione straordinaria finanziata dal Comune di Muggia. L’amministrazione Marzi ha deciso di investire quasi 110mila euro per un lavoro che soprattutto negli ultimi anni si era reso assolutamente necessario.

Entusiasta il presidente dell’Associazione delle compagnie del carnevale muggesano Mario Vascotto: «Quando il sindaco Marzi è stata eletta nello scorso giugno, la prima cosa che le ho chiesto di fare a nome dell’associazione era di mettere mano ai serramenti oramai obsoleti e difficilmente utilizzabili. Sono estremamente felice che in così poco tempo la mia, anzi, la nostra richiesta abbia avuto una risposta». Con una determina comunale è stata dunque indetta una procedura negoziata senza pubblicazione di avviso pubblico per i lavori di manutenzione straordinaria al piano terra dei magazzini comunali di via di Trieste 8, consistente nella sostituzione dei serramenti. L’importo complessivo è di 90mila euro, iva esclusa - per lavori a base di gara di cui 5mila per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e 23mila per il costo della manodopera non soggetto a ribasso - corrispondenti quindi a 109mila 800 euro.

Nello specifico i lavori interesseranno i portoni esterni dell’edificio, adibito a magazzino utilizzato dalle centinaia e centinaia di muggesani appartenenti alle otto compagnie carnascialesche della cittadina rivierasca, ossia Bellezze Naturali, Bora, Brivido, Bulli e Pupe, Lampo, Mandrioi, Ongia e Trottola. «Negli anni i portoni sono diventati sempre più difficili da utilizzare, motivo per cui il presidente Vascotto ha chiesto un intervento all’amministrazione comunale: come noto in seguito alle elezioni per il rinnovo delle cariche comunali ci siamo ritrovati inizialmente senza bilancio, fattore che ha frenato un rapido intervento, ora che però siamo in piena attività abbiamo trovato il denaro per questo necessario intervento partendo dunque con l’iter per i lavori», racconta l’assessore al Carnevale di Muggia Stefano Decolle.

Quali le tempistiche previste? Il numero tre della giunta Marzi è fiducioso: «Sperando non vi siano intoppi sono sicuro che riusciremo a rimettere a nuovo i serramenti entro l’inizio della prossima edizione del nostro amato Carnevale». Intanto Decolle preannuncia un’altra novità in arrivo: il nuovo bando di gara per la gestione delle prossime edizioni del Carnevale invernale ed estivo. L’affidamento esterno alla Flash srl di Vincenzo Rovinelli è infatti scaduto. Dopo l’ottima sinergia tra ente pubblico - Comune - ed ente privato - la Flash per l’appunto - l’intenzione dell’amministrazione Marzi è quella di proseguire su questo trend. «Ricordo ancora le perplessità che sorsero quando durante l’amministrazione precedente decidemmo di proporre questo bando, affidando parte della gestione degli eventi a un soggetto privato», puntualizza l’assessore. «Quelle perplessità direi che oramai fanno parte del passato - conclude Decolle - visto che abbiamo dimostrato che un soggetto privato e le compagnie del Carnevale, con la supervisione del Comune, possono produrre un prodotto di elevata qualità».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi