Unioni civili, il Comune di Trieste concede la sala Bazlen

Unioni civili: il Comune di Trieste concede la sala Bazlen di palazzo Gopcevich

Parziale marcia indietro della giunta Dipiazza. Ci si potrà sposare anche di sabato

TRIESTE Sulle unioni civili il Comune di Trieste fa parziale marcia indietro. E in una nota fa sapere come "tenuto presente che non esiste un diritto soggettivo a ottenere una determinata sala in una determinata giornata, ma solo a godere di uno spazio nel quale poter svolgere gli adempimenti previsti dalla legge, il Comune di Trieste, se richiesto e in base a determinate necessità, oltre agli spazi già individuati, metterà a disposizione per le unioni civili la sala Bobi Bazlen di palazzo Gopcevich, in via Rossini".

Lo ha deciso la giunta Dipiazza precisando che, "non appena sarà tecnicamente possibile, l'atto delle unioni civili potrà essere espletato, su richiesta, anche nella giornata di sabato". Inoltre, sulla scorta delle leggi in vigore, l'Ufficio di stato civile ha predisposto il registro provvisorio delle unioni civili, vidimato dalla Prefettura e restituito al Comune in questi giorni.

 

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi