In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Bocciato il trenino in Porto vecchio

Bucci annuncia la cancellazione: domenica le ultime corse «Ora ragioniamo sull’ipotesi del bus elettrico fino a Barcola»

2 minuti di lettura

Lo spoils system colpisce anche i trenini. Per il collegamento interno al Porto vecchio, dal Molo Quarto alla Centrale idrodinamica, attivato a giugno dall’amministrazione Cosolini quale bandiera dell’avvio della trasformazione dell’area, è arrivato infatti il momento del benservito. Cancellato dalla giunta Dipiazza. Il cambio del vento politico a palazzo Cheba, insomma, segna una nuova inversione di rotta, l’ennesimo punto di discontinuità rispetto a chi ha governato per cinque anni sino a poco più di un mese fa. Tramway, addio: quelle di venerdì, sabato e domenica saranno le ultime giornate di servizio a Trieste delle carrozze Schlieren, costruite in Svizzera e messe in campo dal 1960 sulla rete ferroviaria regionale austriaca. Lo conferma l’assessore comunale con delega anche al Turismo e alle Società partecipate, Maurizio Bucci, riassumendo così i tre motivi alla base della decisione: «L’ormai scarso utilizzo da parte dei cittadini, i costi eccessivi in rapporto appunto alla fruizione e infine il fatto che queste sono macchine vecchie che consumano e inquinano».

L’esecutivo Cosolini aveva annunciato che il trenino sarebbe stato attivo con corse gratuite sino alla Barcolana 2016, fino cioè alla seconda domenica del prossimo ottobre. Il progetto della passata amministrazione, inoltre, prevedeva l’allungamento del percorso sino a Barcola a partire dal 30 settembre con quattro fermate definite: presso Adriaterminal, davanti al Polo museale dell’antico scalo, al Bagno Ferroviario e infine nelle vicinanze delle sedi delle società di vela e di canottaggio. Ma le elezioni di giugno hanno sancito il passaggio del municipio dal centrosinistra al centrodestra e le strategie evidentemente sono cambiate pure per la partita del trenino: programma depennato. Bucci approfondisce: «Il primo weekend erano salite a bordo delle carrozze, tra le varie corse, 1.500 persone ma ora ce ne sono solamente settanta alla settimana. Troppo poche». Per un investimento da oltre 200mila euro, per le risorse che ci sta mettendo Trieste trasporti. «Sono macchine folcloristiche - prosegue l’assessore -, potevano andare bene come attività di propaganda in un periodo particolare... Periodo che è stato però superato». Chiaro il riferimento alle settimane di campagna elettorale prima del voto che ha visto alla fine prevalere Dipiazza su Cosolini.

Lo stesso Bucci incontrerà venerdì Pier Giorgio Luccarini e Aniello Semplice, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Trieste trasporti, per valutare la nuova soluzione pensata dal Comune. «L’indirizzo politico - spiega l’esponente della giunta - è quello di ragionare sull’attivazione di un servizio con bus elettrico, uno di quelli nuovi acquistati da Tt, sempre passando all’interno di Porto vecchio ma continuando anche oltre, arrivando cioè sino a Barcola». C’è un aspetto, al netto delle valutazioni da fare sui costi, che Bucci riconosce subito essere «molto delicato»: «Va creata una soluzione sicura per l’uscita in viale Miramare (arteria come noto ad alto scorrimento, ndr) con direzione Barcola. L’ipotesi è di piazzare un sistema con un semaforo “intelligente”, di quelli con i sensori che rilevano l’arrivo del mezzo per poi attivarsi. Un’opzione fattibile, contando che quella del bus elettrico non sarebbe una linea in transito ogni tre minuti (adesso le partenze del trenino avvengono alternativamente ogni mezz’ora, prima dal Molo Quarto e trenta minuti dopo dalla Centrale idrodinamica, e così via, ndr) e che entrerebbe in funzione solo nel periodo estivo e in concomitanza con mostre o eventi in Porto vecchio». Due condizioni che Bucci pone come imprescindibili. Di tutto questo, «compresi i ragionamenti sul chilometraggio», i delegati del Comune e i vertici di Trieste trasporti parleranno dopodomani. Partendo da un dato certo: quelle di venerdì dalle 14 alle 19.30, e di sabato e domenica dalle 11 alle 19.30 saranno le ultime tre giornate del Tramway dentro Porto vecchio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori