In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Sull’isola di Cherso riapre il centro che ospita i grifoni

CHERSO. Chiuso da anni, il centro recupero grifoni di Caisole (Beli), nell'isola di Cherso, è nuovamente a disposizione di esperti, visitatori. La cerimonia di inaugurazione della struttura,...

1 minuto di lettura

CHERSO. Chiuso da anni, il centro recupero grifoni di Caisole (Beli), nell'isola di Cherso, è nuovamente a disposizione di esperti, visitatori. La cerimonia di inaugurazione della struttura, sistemata nell'edificio che un tempo ospitava la scuola elementare, si è tenuta alla presenza di abitanti del posto, turisti, del presidente della Regione quarnerino - montana, Zlatko Komadina, del vice ministro croato dell' Ambiente, Irina Zupan e del sindaco di Cherso, Kristijan Jurjako. Grazie all'investimento di 2 milioni e mezzo di kune (335 mila euro), è stata portata a termina la prima fase del progetto, che ha compreso la ristrutturazione del vecchio edificio, ammodernato grazie ai mezzi stanziati da regione, Città di Cherso, istituto pubblico Priroda, Giardino zoologico di Zagabria, associazioni Biom e Tramontana e facoltà zagabrese di Scienze naturali e matematiche. É stata pure costruita una nuova voliera in cui i grifoni, simbolo dell'isola di Cherso, verranno curati perchè feriti e malati e quindi rilasciati in natura. É stato confermato che in diversi punti dell'isola saranno collocate mangiatoie, grazie ai quali gli interessati potranno avere degli stupendi appostamenti per il bird-watching e per fotosafari. In tutto il rifacimento della struttura di Caisole verrà a costare sui 4 milioni e mezzo di kune, circa 605 mila euro. Ricordiamo che Caisole e la sua area, situate nella parte settentrionale dell' isola, sono a ragione considerate il simbolo della biodiversità della Regione quarnerino-montana. Non per nulla l'80 per cento del suo territorio è in regime di tutela attuata dall'istituto pubblico regionale Priroda. Tornando ai grifoni, sono una specie rigorosamente protetta in Croazia e ferirli o ucciderli comporta pene pecuniarie fino a 40 mila kune, circa 5 mila e 370 euro. Per quanto riguarda il Quarnero, vivono e nidificano a Cherso e nelle vicine Veglia e Plavnik. a.m.

I commenti dei lettori