In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il Tiramisu bisiaco conquista la Serracchiani

Il dolce di Pieris ha incassato il sostegno della Regione. Ribalta cittadina anche del libro di Clara e Gigi Padovani

1 minuto di lettura

Il Tiramisu bisiaco ieri ha incassato il sostegno della presidente della Regione, Debora Serracchiani, dopo essere balzato alla ribalta nazionale grazie al libro di Clara e Gigi Padovani, edito da Giunti, che ieri l’hanno presentato a Monfalcone, aprendo così la rassegna “Terre di magici sapori”.

Gli autori, assieme a Flavia Cosolo, la figlia di Mario, patron del ristorante “Il vetturino” di Pieris, inventore del primo dolce dal nome “Tiremesu”, hanno accompagnato la specialità bisiaca nella sede del Consiglio regionale a Trieste, dove ne hanno perorato la causa.

Eppure a Pieris e al Friuli Venezia Giulia gli autori hanno confermato di essere giunti al termine del loro viaggio alla scoperta del dessert italiano più conosciuto, e amato, al mondo. «E la ricetta che mi ha fatto penare di più è stata proprio quella conservata gelosamente da Flavia - ha spiegato ieri Clara Padovani -. Molto cortese, quando l’ho incontrata a casa sua, mi ha raccontato tutta la storia e fatto assaggiare il Tiramisu inventato dal padre, ma senza darmi la ricetta».

Il corteggiamento di Clara Padovani a Flavia Cosolo alla fine però ha raggiunto l’obiettivo e il libro contiene la ricetta, mai svelata prima. «Forse l’ho convinta dicendole che una ricetta condivisa entra nella storia, mentre una che non lo è si dimentica», ha detto ancora l’autrice.

Nel volume ci sono però anche dei “diversamente Tiramisu”, variazioni italiane e internazionali sul tema. E le creazioni di chef e pasticceri di fama assoluta, come lo spagnolo Albert Adrià e l’italiano Iginio Massari. Un Tiramisu tutto speciale ispirato alla Bora che spazza la valle del Vipacco l’ha ideato invece lo chef sloveno Tomaz Kavcic, ieri presente a Monfalcone per spiegare la propria filosofia di cucina, legata alla memoria e alle origine, ma all’insegna dell’innovazione.

Ad accompagnare in Regione e nella Galleria comunale d’Arte contemporanea il libro e il Tiramisu bisiaco ieri c’era anche il coro del Gruppo costumi tradizionali bisiachi, che ha eseguito la canzone dedicata negli anni ’40 a Mario Cosolo dal maestro Vittorio Candotti di Pieris. Nel pezzo, musicato dal Gruppo, Cosolo viene definito «quel fiol de Blezebù ga inventà al tirimesu».

Laura Blasich

I commenti dei lettori