Camionista bulgaro picchiato da due colleghi turchi

L'autoporto di Gorizia

E' successo all'autoporto. Gli aggressori smascherati dai carabinieri

GORIZIA. Due camionisti turchi denunciati dai carabinieri per aver picchiato un collega bulgaro. È accaduto all’autoporto di Gorizia. L’indagine è stata avviata dopo che il responsabile di una ditta di trasporto internazionale, cittadino italiano, aveva condotto al Pronto soccorso di Gorizia un suo dipendente.

Quest'ultimo, cittadino di nazionalità bulgara, classe ’68, residente a Trieste, aveva detto al suo datore di lavoro di essere stato aggredito da altri due autotrasportatori, di nazionalità turca.
I militari della stazione carabinieri di Gorizia e del norm con i colleghi della stazione carabinieri di San Floriano, inviati a supporto, procedevano immediatamente a ricostruire l'episodio, apparso, inizialmente, alquanto fumoso.

In base alle prime informazioni acquisite si veniva a sapere che il cittadino bulgaro era stato aggredito, per motivi non meglio precisati da i due cittadini turchi e colpito al viso con un bastone.

I presunti aggressori venivano individuati, identificati (entrambi residenti in Turchia, uno nato nel 1960 e l'altro nel 1970), sottoposti agli accertamenti di rito e denunciati alla competente autorità giudiziaria per il reato di lesioni personali in concorso.

Il bulgaro ha riportato lesioni guaribili in pochi giorni.
 

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi