«Io, “mulo de Servola” che sognava l’alabarda»

Maldini con Nereo Rocco (da “El Paròn” di Giuliano Sadar )

Il Paròn era il “signor Rocco”: «Si sfogava con me in dialetto. Fui io a consigliargli di accettare di allenare il Milan»

TRIESTE. Nereo Rocco per lui era “il signor Rocco”. Questione di educazione, assicurava. Ai grandi si porta rispetto. Rocco per Cesare Maldini non era solo un maestro. Uno era per l’altro qualcuno con cui poter condividere ricordi, imprecazioni in dialetto, witz e monade...Insomma, erano, reciprocamente, Trieste. Un mondo tutto loro. Una città che lui raccontava così, in una sintesi tratta dalle interviste concesse negli anni a Il Piccolo.

Servola I primi calci li ho dato al ricreatorio di Servola. Il Gentilli. Per un periodo si era chiamato anche Casa del Balilla. Ma per noi era solo “IL Ricreatorio”. C’era il campo di pallacanestro, noi piazzavamo quattro paletti per fare le porte e giocare a pallone. Che battaglie quando arrivavano quelli di San Giacomo...

Della vita nel rione mi ricordo quando ragazzino vedevo arrivare Giordano Cottur a Servola. Io stavo in un bar a giocare a biliardino insieme ai miei amici e lui andava nella panetteria proprio di fronte, dove i proprietari erano parenti della moglie. Lo vedevamo che passava in bicicletta e spesso entrava al bar per un saluto. Noi muleti ci davamo di gomito: “Hai visto chi c’è? Il ciclista...”

Il Milan che vince il campionato ’56/57, Maldini il secondo da destra in piedi

La Triestina Mi dispiace che adesso sia ridotta così. La mia era un’altra Triestina. Ero giovane, avevo tanto entusiasmo. Ci andavamo ad allenare anche sul campo di Ponziana. È stato in alabardato che ho conosciuto per la prima volta Nereo Rocco. Sarà stato il 1950 o il 1951. Lui allenava la prima squadra dell’Unione, io ero nelle giovanili. Non era come adesso con i grandi che giocano in un impianto, i Primavera in un altro e i ragazzini da un’altra parte ancora.

Allora dividevamo lo stesso stadio. Rocco quindi si fermava volentieri a guardarci. Anche se la mia presenza con la Triestina avvenne nel 1953 a Palermo, io ho sempre attribuito a Rocco il mio debutto in serie A. L’Unione doveva andare a giocare a Torino contro la Juventus. Tre o quattro titolari, però, non vogliono partire per ragioni economiche. Non avevamo ricevuto i compensi e si erano messi in sciopero. Rocco allora chiama me e qualche altro ragazzo come Meggiolaro. “Muli, tocca a voi”. Non vi dico l’emozione. Finisce 3-0 per la Juve ma io da quella domenica non esco più di squadra».

Maldini con Paolo negli anni ’70

Con il Paròn, triestini al Milan «L’ho chiamato sempre signor Rocco. Questione di rispetto. A Trieste una volta l’educazione si insegnava così. A quelli più grandi ci si rivolgeva chiamandoli signore. Io il signor Rocco dopo l’esperienza alla Triestina l’ho ritrovato al Milan. Anzi. Io in rossonero ci stavo già. Lui aveva fatto miracoli con il Padova. Ci eravamo tenuti in contatto. Credo di essere stato la prima persona alla quale aveva telefonato dopo essere stato contattato dai dirigenti del Milan.

“Cesare, come xe lì?” “Signor Rocco, venga, qui è bellissimo”. Era titubante se accettare perchè sapeva che a Milano avrebbe trovato giocatori diversi da quelli che era abituato ad allenare a Padova. E il primo anno in rossonero per lui non fu per niente facile. Quando la squadra stentava, per sfogarsi mi prendeva sottobraccio e mi invitava a fare quattro passi. Ricordo il ritorno in treno dopo una sconfitta a Firenze. Avevamo perso 2-0. “Cesare, forse qua no ghe la fazo, no son capace qua...” “Stia tranquillo, signor Rocco, andrà tutto bene”. Infatti vincemmo lo scudetto.

I consigli dei “veci” A Rocco piaceva confrontarsi con noi. Un giorno Viani e lui chiamano me e altri due dei vecchi del Milan. “Muli, dovete perdere mezz’ora sul campo di allenamento di Linate. Andate a vedere un ragazzetto e dopo mi raccontate che ve n’è parso”. Il ragazzetto si chiama naturalmente Gianni Rivera. A me e agli altri senatori bastano dieci minuti appena. La nostra relazione tecnica sta in una frase. “Prendetelo di corsa”.

Rocco era fatto così. Aveva un modo tutto suo di tenere sotto controllo la squadra. Un esempio. Al mattino riuniva i giocatori al caffè per fare quattro ciacole e leggere insieme i giornali. Una bizzarria? Neanche per idea. Un modo intelligente per evitare che i giocatori tirassero tardi la sera. Se sapevi che alle 9 del mattino dovevi trovarti con il mister non potevi mica permetterti di andare a letto alle 5...

E se non bastava quello, il signor Rocco mandava un suo uomo di fiducia a controllare se nei parcheggi fuori dai night alla moda c’erano le auto di alcuni giocatori più birichini. Il suo controllore aveva scritti su un foglietto i numeri di targa e verificava.

La squadra si teneva insieme così. E sono arrivate le vittorie. Mi piace rivedere la foto allo stadio di Wembley quando sollevo la Coppa dei Campioni. Il primo trionfo europeo. Lì abbiamo fatto la storia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi