Bosnia, crocevia europeo del terrorismo islamista

Un militante dell'Isis

I campi di addestramento gestiti dai wahabiti punto fermo della penetrazione dell’Is. Una “zona franca” di transito e di traffico di armi

TRIESTE C’è un vero e proprio crocevia del terrorismo islamico nel cuore dell’Europa. Il suo nome è Bosnia-Erzegovina dove da anni oramai sono al lavoro i wahabiti. La loro presenza nell’ex Paese jugoslavo è diventata di dominio pubblico quando, nell’ottobre del 2011, Mevlid Jasarevic, originario di Novi Pazar, in Serbia, kalashinkov in pugno aveva sparato oltre cento colpi contro l’ambasciata degli Stati Uniti a Sarajevo, ferendo tre persone prima di essere neutralizzato e catturato dalla polizia.

Assime a Jasarevic finirono sotto processo, per poi essere assolti (Jasarevic si beccò 18 anni di galera), anche Munib Ahmetspahic e Emrah Fojnica. Ebbene, quest’ultimo, nell’agosto del 2013 si fece saltare in aria in Iraq, dove combatteva nelle file dell’Is. Di Ahmetspahic, invece, si sono perse le tracce.

Passano pochi anni e nel maggio del 2015 in Bosnia sventola addirittura la bandiera del Califfato. Una volta era un tranquillo paesino serbo nel comune di Maglaj in Bosnia-Erzegovina, una sessantina di chilometri a nord di Zenica. Ma oggi è una roccaforte jihadista "gestita" dai wahabiti dove si sentono risuonare spari durante la giornata e dove, come sospetta la polizia, l'Is sta acquistando terreni e case.

Su una di queste, in effetti, sventola la bandiera del califfato. È una sorta di terra di nessuno, dove nessuno osa entrare e dove si esercitano i miliziani per essere poi spediti sui campi di battaglia in Siria e Iraq. E mentre i servizi segreti bosniaci stanno monitorando la situazione sospettando che gli jihadisti godano anche della complicità di alcuni poliziotti del cantone di Zenica-Doboj, i residenti confermano che il Paese è oramai un baluardo wahabita trasformato in un vero e proprio poligono di tiro per addestrare i futuri combattenti per il califfato.

C’è un altro filo poi che lega i Balcani alle recenti stragi terroristiche a firma islamica in Europa, leggi Francia e Belgio. Ed è quello del traffico di armi che passano facilmente verso i futuri scenari di attentati. Nel novembre scorso, dopo la strage di Parigi, infatti, a Francoforte la polizia fermò un islamico che potrebbe aver fornito le armi ai terroristi che hanno messo in atto gli attacchi a Parigi. Una cosa però è certa.

Le armi usate nelle stragi della capitale francese sono state fabbricate in Jugoslavia, nella fabbrica di armi Zastava di Kragujevac, in Serbia. La prova inequivocabile è stata fornita dalle matricole dei kalashnikov rinvenuti sui luoghi degli agguati. Sette o otto dei kalashnikov segnalati sono stati costruiti a Kragujevac negli anni 1987 e 1988.

Queste armi facevano parte di un quantitativo che è stato inviato negli arsenali della Slovenia, della Bosnia-Erzegovina (ecco che ritorna) e della Macedonia. Al disfacimento della Jugoslavia queste armi, è molto probabile, siano cadute in mani di singoli trafficanti o di associazioni criminose che forse le hanno vendute.
Capire con certezza il "tragitto" fatto da queste e da altre armi (ce ne sono ancora tantissim e in giro soprattutto in Bosnia Erzegovina), dopo il tracollo della Jugoslavia è un'impresa quasi impossibile.

Analizzando però la situazione attuale dei Balcani non si può escludere a priori che quei fucili provengano proprio dalla Bosnia-Erzegovina visto che in questo Paese, come detto, sono attive molte cellule islamiche whabite che avrebbero benissimo potuto fare da tramite con quelle parigine. Va rilevato inoltre che pochi giorni prima dell'attacco islamista a Parigi in Baviera è stato arrestato un uomo che viaggiava a bordo di un'automobile Golf con targa montenegrina a bordo della quale in speciali doppifondi sono stati trovati otto kalashnikov.

Come si vede girando lungo l’asse criminal-jihadista che si è radicata nei Balcani, prima o poi, si ritorna in Bosnia dove nella capitale, Sarajevo, da mesi “uomini con la barba” come li chiamano gli abitanti della capitale, stanno letteralmente acquistando tutto il rione di Ilidza dove spuntano moschee in cui si recitano preghiere che gli stessi musulmani di Sarajevo non conoscono. Sono i corani apocrifi che predicano sangue e morte ai crociati.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il drago che "sorge" dalle foreste distrutte: l'imponente scultura per non dimenticare la tempesta Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi