In Slovenia si scatena la guerra del filo spinato

In Slovenia è polemica sugli acquisti del filo spinato da parte del governo

Produttori locali in rivolta: scoppia la polemica per l'affare "sfumato"

LUBIANA In Slovenia scoppia la polemica del filo spinato. Non sulla questione se sia opportuno o meno installarlo ai confini per accentuare i controlli sui migranti, ma piuttosto sul luogo di acquisto dello stesso da parte del governo di Lubiana.

E così, mentre il premier Miro Cerar annunciava in Parlamento la possibilità di erigere in pochi giorni una barriera di filo spinato al confine con la Croazia l’esecutivo manteneva uno strettissimo top secret su quanto filospinato sia stato acquistato e dove. Secondo indiscrezioni sarebbero giunto in Slovenia circa cento chilometri di barriera spinata acquistata in diversi Paesi europei.

Decisione questa che ha fatto andare su tutte le furie i produttori sloveni di filo spinato. A parte la scoperta che la Slovenia è un produttore di filo spinato la polemica ha portato a conoscenza altri particolari interessanti. Vlado Mihalic, proprietario dell’omonima azienda che produce filo spinato è uno dei produttori ed esportatori di questa particolare tipologia merceologica sorta alla ribalta della cronaca e del mercato proprio grazie all’emergenza profughi e all’uso che ne ha fatto l’Ungheria di Viktor Orban.

E Mihalic, sentito dal portale web del Delo di Lubiana, proprio non si spiega perché il governo della Slovenia sia andato a fare i suoi acquisti all’estero. Egli ha calcolato infatti che un metro del suo filo spinato, praticamente lo stesso adoperato dall’Ungheria per chiudere i suoi confini, sarebbe venuto a costare un euro al metro, mentre secondo le indiscrezioni Lubiana avrebbe pagato per la stessa merce ben 12 euro al metro.

Un altro produttore sloveno, Izidor Vode dell’azienda Kovingrad ha affermato che il governo si è comunque informato sulla qualità e il prezzo del prodotto finito in Slovenia. Dunque, c’è chi, nella tragedia dei migranti vede un affare sfumato, quello cioè di fornitura delle barriere che sicuramente non fermerà la marea biblica che sta arrivando. Gli affari innanzitutto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi