In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cormons: multato, fugge e rischia d’investire un vigile

Cormonese sorpreso in divieto di sosta: paga la sanzione, aggredisce gli agenti e poi scappa in auto

2 minuti di lettura
Un vigile urbano in azione 

CORMONS Viene multato dai vigili urbani, ma poi perde la testa e reagisce insultandoli, sputa contro di essi, sale sull’auto e parte sgommando a rischiando di investire un agente. Risultato: denunciato e ricercato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

È quanto accaduto l'altra mattina all'incrocio tra le vie Udine, Cumano e piazza Libertà, nei pressi del bar Roma. Secondo alcuni testimoni oculari dell’accaduto, infatti, un uomo - un cormonese di mezza età - ha reagito in malo modo nei confronti dei due vigili che lo stavano sanzionando per aver lasciato la propria auto in sosta vietata in corrispondenza dell’incrocio.

Il codice della strada in questi casi è chiaro: multa di 59,50 euro e rimozione del mezzo tramite carro attrezzi. Ad accorgersi dell'infrazione un vigile urbano in servizio in centro: mentre l'agente era intento alla compilazione del relativo verbale, da un vicino locale è uscito il proprietario della vettura in sosta vietata, che non l'ha presa affatto bene, anzi. L’uomo, secondo il racconto dei testimoni, ha insultato il vigile protestando con veemenza.

A complicare la situazione, il fatto che la vettura avesse targa slovena. In questi casi la legge prevede il pagamento immediato della sanzione: l'uomo quindi ha dovuto racimolare su due piedi la cifra richiesta, circostanza che lo ha fatto ulteriormente imbestialire. Tra i soldi che aveva in tasca e quanto prestatogli sul momento da un paio di conoscenti, è riuscito a raggiungere la somma prevista e scongiurare l'arrivo del carro attrezzi.

Il vigile, intanto, a causa delle ripetute frasi ingiuriose rivolte alla sua persona ha deciso di chiamare un collega che potesse testimonare del comportamento del cormonese. Arrivato il secondo agente, secondo quanmto riferito, l'uomo ha perso definitivamente le staffe: gli insulti sarebbero infatti aumentati, e sarebbero partiti anche degli sputi nei confronti dei due agenti. Che a quel punto hanno deciso di immobilizzare l'uomo e procedere a un fermo per oltraggio a pubblico ufficiale.

L’esagitato è però riuscito a liberarsi dalla presa dei due vigili urbani con degli spintoni, e quindi a sgusciare all'interno della propria auto e a sgommare via, rischiando così di investire uno dei due agenti, che sui trovava accanto alla vettura.

Il gesto ha ulteriormente peggiorato la posizione già critica dell'uomo: i due agenti, impossibilitati a inseguirlo dato che la vettura di servizio si trovava distante. L’uomo è è stato denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. L'uomo è ora ricercato, e sulle sue tracce si trovano le forze dell'ordine.

Un episodio, questo, che fa il paio con uno verificatosi qualche anno fa, quando uno vigile era stato aggredito da un uomo che pure in quell'occasione non aveva per nulla digerito una sanzione per divieto di sosta. Fatti, questi, che ripropongono un quesito già emerso in passato: i vigili urbani cormonesi devano essere dotati di pistola o spray urticante come i colleghi di altri comuni oppure debbano continuare ad operare sul territorio disarmati?

Una domanda alla quale già da tempo l'amministrazione ha risposto optando per la seconda ipotesi. Ora, questa nuovo episodio che probabilmente riaprirà il dibattito su questo tema.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori