Esuli, una targa in ricordo di Aldo Clemente

Recentemente scomparso, a Roma aveva diretto l’Opera per l’assistenza ai giuliano-dalmati

L'Associazione dei triestini e goriziani in Roma, unitamente all'Associazione Giuliani nel Mondo, hanno ieri onorato la figura del triestino Aldo Clemente, benefattore delle genti giuliano-dalmate recentemente scomparso, con lo scoprimento di una targa alla memoria presso la chiesa di San Gerolamo in via Capodistria 8. La cerimonia è stata preceduta da una Messa celebrata dal vicario generale della diocesi di Trieste mons. Pier Emilio Salvadè. Aldo Clemente, oltre a presiedere per oltre 40 anni l'Associazione dei triestini e goriziani in Roma, è stato segretario generale dell'Opera per l'assistenza ai profughi giuliano dalmati. Sotto la sua direzione l'Opera ha fatto costruire più di 7000 alloggi e ha assistito oltre 76.000 giovani. A testimonianza del profilo morale di Clemente, il Comune ha voluto nel giugno 2009, consegnargli il sigillo trecentesco. Clemente e l'Opera Profughi hanno anche avuto un ruolo determinante per la costruzione della chiesa di San Gerolamo. Hanno parlato Roberto Sancin (Triestini e goriziani in Roma), Dario Locchi (Giuliani nel mondo), l'assessore comunale Laura Famulari.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giorgia Soleri: "Vi racconto storie di malattie invisibili come la mia". La rubrica su Salute

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi