Scuole a prova di sisma: nessun rischio di crolli

TURRIACO. Non sono a rischio crolli le scuole di Turriaco. Emerge dal lavoro di verifica eseguito dalla Tecnoindaginis Srl in seguito all’incarico conferito dall’amministrazione comunale per rilevare...

TURRIACO. Non sono a rischio crolli le scuole di Turriaco. Emerge dal lavoro di verifica eseguito dalla Tecnoindaginis Srl in seguito all’incarico conferito dall’amministrazione comunale per rilevare la presenza di vulnerabilità sismiche strutturali e non strutturali negli edifici che ospitano le scuole dell’infanzia e primarie di Turriaco. «La principale finalità dell’indagine – spiega il sindaco Enrico Bullian – è garantire la sicurezza all’interno degli ambienti ricercando a livello strutturale e non strutturale le situazioni che potrebbero diventare pericolose in caso di evento sismico».

Sotto il profilo strutturale sono stati presi in considerazione gli elementi verticali, quali pilastri, setti o murature, mentre per gli elementi orizzontali i rilievi sono stati concentrati sulle coperture e sui solai. In caso di evento sismico, tuttavia, anche alcuni elementi non strutturali possono causare situazioni di pericolo o rendere parzialmente inagibili porzioni di edificio. Per questi elementi le analisi sono state tese al rilievo di vulnerabilità interne presenti nei soffitti, alla ricerca di rischi di sfondellamento o distacchi di intonaco, e nei sistemi di controsoffittatura. Il rilievo delle vulnerabilità non strutturali è stato completato con la verifica sulle facciate esterne, sui cornicioni e sulle gronde. Quanto al temuto fenomeno dello sfondellamento dei solai «dalle analisi compiute non sono state rinvenute porzioni di impalcato che denotano un pessimo stato di conservazione, per le quali sarebbe opportuno pianificare interventi manutentivi», anche se i tecnici consigliano comunque di mantenere monitorate le situazioni dei solai. Anche gli intonaci interni sono risultati in buone condizioni. Per la primaria «dall’ispezione diretta dei sottotetti è stato possibile constatare che le coperture si presentano complessivamente in buono stato di conservazione e pertanto non sussistono particolari criticità». Si segnala invece che esternamente alla “scuola alta” il rivestimento a intonaco, soprattutto della facciata nord, risulta ammalorato da numerose cavillature e rigonfiamenti. Non a caso, l’amministrazione ha già approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del cappotto esterno, presentando richiesta di contributo alla Regione. Per la scuola dell’infanzia, «il quadro fessurativo rinvenuto non evidenzia particolari cinematismi in atto della struttura», mentre lo strato di intonaco esterno «appare in buono stato di conservazione».(la.bl.)

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi