Tenta di rubare la pistola a una guardia giurata

Sulle Rive in piena notte un 39enne ha avuto un diverbio con un “vigilante” e ha minacciato di prendergli l’arma. Fermato con spray urticante: denunciato

Movimentato intervento per un equipaggio di una “Pantera” della Polizia di Stato l’altra notte sulle Rive cittadine.

L’episodio si è concluso all’alba, quando negli uffici di via Teatro Romano un uomo è stato denunciato per tentata rapina.

Aveva tentato d’impossessarsi niente meno che di una pistola. Si tratta di un triestino, D.C. le sue iniziali, nato nel 1976.

L’intervento è scattato in piena nottata, alle 4.30 circa, una persona già nota alle forze dell'ordine per reati s9imili a quello contestatogli l’altra notte.

«In evidente stato di alterazione alcolica (motivo per il quale è stato anche sanzionato amministrativamente) - recita un comunicato diramato agli organi di stampa dalla Questura di Trieste - si è avvicinato a una guardia giurata in servizio presso il Villaggio Barcolana, allestito sulle Rive, con l'intento di appropriarsi dell'arma in dotazione».

L’aggressore si era avvicinato al “vigilante” e lo aveva apostrofato a male parole, innescando un diverbio. Dopo qualche scambio di battute, la situazione tra gli stand della Barcolana chiusi da ore, è presto degenerata.

Dopo un alterco, tra i due protagonisti dell’episodio è scaturita una colluttazione. Non si sa se D.C. avesse minacciato la guardia giurata di volersi impossessare dell’arma in dotazione, fatto sta che a un certo punto, probabilmente vistosi in difficoltà, il “vigilante” si è difeso usando uno spray urticante della sua dotazione.

L'uomo, colto di sorpresa e spaesato dall’effetto della sostanza nebulizzata, ha desistito per qualche attimo dal suo intento, indietreggiando un poco.

Ciò ha permesso alla guardia privata di attirare l'attenzione di un equipaggio della Squadra volante della Questura che stava transitando nei pressi di piazza dell’Unità d’Italia proprio in quel momento, nell'ambito del normale servizio di controllo istituzionale del territorio.

I poliziotti sono così subito accorsi in aiuto al “vigilante” in difficoltà, trattenendolo e facendolo desistere da ogni ulteriore proposito “bellicoso”.

L’equipaggio della Squadra volante ha poi proceduto all’identificazione dell’uomo, per poi condurlo in Questura con la “Pantera”.

Negli uffici di polizia, una volta ricostruito l'episodio e dopo il cosiddetto fotosegnalamento, D.C. è stato infine arrestato e quindi condotto nella propria abitazione, «in regime di arresti domiciliari», come specifica il comunicato. Ormai erano le 6.30 della mattina.

L’uomo è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria per le pratiche giudiziarie del caso.

In occasione dell’evento, le forze dell’ordine hanno da giorni rafforzato la presenza e la vigilanza nella zona del Villaggio Barcolana.

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi