In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Regione, musei e archivi incassano 2 milioni in più

Aumenti dal 2017 con l’entrata in vigore della riforma dei beni culturali. Primo via libera al testo in commissione

2 minuti di lettura
Il Museo Revoltella di Trieste 

TRIESTE. «Al momento dell’entrata a regime, nel 2017, la nuova legge stanzierà oltre due milioni in più rispetto alla programmazione odierna. Raddoppiamo le dotazioni attuali». Lo ha affermato ieri l’assessore alla Cultura, Gianni Torrenti, dopo il via libera in commissione al testo che riordina il sistema regionale di musei, biblioteche e archivi.

Le risorse non sono aggiuntive, ma derivanti da una diversa sistemazione del portafoglio dell’assessorato: «Ho provato a chiedere risorse ai miei colleghi, ma non ne ho ottenute», ha detto Torrenti. L’appuntamento è ora fissato alla prossima settimana, quando spetterà al consiglio il varo della legge.

La programmazione prevede al momento 1,4 milioni nel 2015 per i beni culturali: saranno 2,3 nel 2016 e 3,6 nel 2017. Nel 2016 verranno spesi 600mila euro per i programmi di musei e reti museali, che diverranno 900mila nel 2017: i beneficiari saranno individuati su suggerimento di una commissione tecnica. Bandi per il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio, nonché per lo sviluppo di attrattività, formazione, didattica e ricerca riceveranno 500mila euro nel 2016 e un milione l’anno successivo.

Gli ecomusei avranno invece 200mila euro in entrambi gli anni. Ristrutturazioni, manutenzioni e ammodernamento degli allestimenti godranno di risorse soprattutto dal 2017, con 500mila euro assegnati tramite bando. Anche le ristrutturazioni delle biblioteche si concentreranno nel 2017, con 200mila euro destinati dalla giunta.

Trend inverso per gli archivi storici e di enti ecclesiastici: dotazioni gemelle, con 100mila euro nel 2016 ma soltanto 10mila nel 2017, attribuiti a specifici progetti. Ammontano poi a 500mila euro all’anno lo stanziamento per i sistemi bibliotecari e a 120mila quello per le biblioteche di interesse regionale, negli stessi periodi: la giunta sceglierà i fruitori. L’attrattività sarà infine sostenuta con i 50mila euro nel 2017 a Promoturismo.

Torrenti ha sottolineato che «alcune di queste voci finora sono mancate del tutto: i restauri per le biblioteche, i progetti degli archivi, il milione e mezzo (nel 2017, ndr) per le ristrutturazioni e modernizzazione dei musei. Niente di specifico si è speso nemmeno su Promoturismo». Non si escludono «redistribuzioni fra le voci, ma l’impegno è non andare sotto quanto stanziato nel complesso. Di più sarà difficile fare, ma abbiamo voluto dare peso anche ai beni culturali, sempre meno finanziati delle attività culturali».

La legge riconoscerà inoltre una certificazione ai 397 musei presenti in Fvg, istituzioni pubbliche o private, che potranno operare da sole oppure unirsi in reti territoriali o tematiche. Gli standard minimi saranno fissati dalla giunta: senza attestato, niente fondi Fvg.

Una commissione tecnica valuterà criteri come formazione dei dipendenti, attività didattiche e ricerca, adeguatezza degli orari di apertura e barriere architettoniche. I musei potranno richiedere la certificazione dall’autunno del 2016, anno in cui saranno attivati intanto i vari bandi previsti.

Secondo Torrenti, «la legge innalzerà il livello del sistema, che oggi non funziona del tutto. Dobbiamo dare qualità e massa critica a una comunità piccola e frammentata. Così garantiremo competitività, didattica e attrazione turistica». La giunta può d’altronde lavorare soprattutto su rispetto degli standard e creazione di reti, visto lo scarso peso finanziario in materia: «Il Comune di Trieste spende oltre 10 milioni all’anno per i suoi musei e la Regione vi investe 70mila euro», fa le proporzioni Torrenti. «Ecco allora che decidiamo di finanziare soprattutto attraverso bandi, per finalizzare risorse limitate e indirizzarle verso l’innovazione, secondo linee che ci indicherà la commissione».

_diegodamelio_

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori