In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Contributi ai partiti: la classifica di Palazzo Fvg

Sul web le quote devolute dai consiglieri regionali. Codega e Travanut al top con 14.600 euro. Ziberna ultimo con mille euro

2 minuti di lettura
L'aula del consiglio regionale 

TRIESTE. Dai mille euro del Pdl Rodolfo Ziberna ai 14.600 euro dei più generosi, i dem Franco Codega e Mauro Travanut. Al partito si devono tante cose, soprattutto l’elezione a Palazzo. E i consiglieri, anno dopo anno, chi più chi meno, non se ne dimenticano.

I dati ufficiali Nel sito web della Regione, contestualmente alla pubblicazione sul bollettino ufficiale, spuntano i versamenti degli inquilini di piazza Oberdan a favore delle rispettive forze politiche nel corso del 2013, annata tra due legislature, la X retta da Renzo Tondo e l’XI da Debora Serracchiani. Nessun obbligo, precisa l’Ufficio di presidenza del Consiglio. Il rilascio della dichiarazione, nel rispetto delle indicazioni di una delibera dell’ottobre 2000, «è totalmente facoltativo e discrezionale da parte del consigliere».

Trasparenza a singhiozzo Non sorprende dunque che non tutti procedano all’operazione trasparenza. Se i versamenti effettuati nel 2012 erano stati resi noti da 22 dei 49 eletti nella primavera 2013, sui dati dell’anno successivo c’è qualche assenza in meno. Nell’elenco pubblicato da sito e Bur, infatti, compaiono 29 eletti (20 della maggioranza, 9 delle opposizioni): in ordine alfabetico si va da Agnola Ezio a Zilli Barbara.

I più generosi Proprio Agnola è uno dei due consiglieri che nel 2013 ha beneficiato due movimenti: il Pd (con 7.370 euro) e l’Idv (con altri 4.500). Così come Igor Gabrovec, che ha diviso equamente i suoi contributi (due versamenti da 5mila euro) tra Pd e Slovenska Skupnost. Sopra quota 10mila, con Codega, Travanut e Agnola, ci sono anche il presidente del Consiglio Franco Iacop (13.200 euro nelle casse del Pd), Giulio Lauri (11.250 euro a Sel) e Debora Serracchiani, quarta nella classifica dei sostenitori del Pd con 10.050 euro.

Partito democratico A seguire nella graduatoria dem sono Vittorino Boem (9.970 euro), Stefano Ukmar (9.870), il capogruppo Diego Moretti (9.551), Vincenzo Martines (8.670), Silvana Cremaschi (8.570), Chiara Da Giau e Armano Zecchinon (8.470), Franco Rotelli (8.400), Enzo Marsilio (8.300), Daniele Gerolin (7.700) e Renata Bagatin (7.270). In coda, decisamente in coda, c’è il neo assessore all’Agricoltura Crisiano Shaurli con 3.600 euro. Mentre in casa Sel, assieme a quello di Lauri, viene reso noto anche il contributo al partito di Alessio Gratton: 7.750 euro.

Centrodestra Quote più basse a centrodestra. Tra i 9 consiglieri di Pdl/Fi e della Lega Nord la cifra più alta la devolvono al partito i padani Claudio Violino (8.350 euro) e Barbara Zilli (6.881). Al terzo posto gli azzurri di Trieste, Bruno Marini, e di Pordenone, Elio De Anna, con 6.500 euro ciascuno. Dietro a loro la leghista “scomunicata” Mara Piccin (4.950 euro), il forzista Roberto Novelli (4.000) e l’ex pidiellino oggi alfaniano Alessandro Colautti (3.000 euro). In coda i 1.500 euro di Paride Cargnelutti e i 1.000 euro di Ziberna.

I versamenti 2012 Confrontando la fotografia del 2013 con quella del 2012 si nota una tendenza al risparmio. I versamenti di tre anni fa presentavano punte più alte: Piccin bonificò alla Lega 24.100 euro, Agnola (all’Idv di Antonio Di Pietro) 18mila, Gerolin (al Pd) 17.500. Anche in quell’occasione il centrodestra si mostrò meno generoso: Cargnelutti, Luca Ciriani, Colautti, Marini, Riccardo Riccardi e De Anna versarono 6mila euro a testa nelle casse dell’allora Pdl.

Fuori dal Palazzo Molto distanti i consiglieri che all’epoca non lavoravano ancora nell’aula regionale: Sara Vito staccò un assegno di 1.670,60 euro al Pd di Gorizia, Ukmar ne compilò uno di 1.200 euro per il Pd di Trieste, Moretti un altro di 800 euro per il Pd di Gorizia, Boem di 815 euro sempre per il Pd. E ancora i 500 euro di Martines e i 400 di Shaurli. Qualche spicciolo anche al Movimento 5 Stelle: 200 euro di Andrea Ussai, 100 euro di Eleonora Frattolin. Fino ai 50 euro di Ziberna.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori