Intensificati i controlli alle frontiere di Tarvisio e Gorizia

Un'immagine di profughi (foto d'archivio)

Giorgio Brandolin, vicepresidente del Comitato Schengen della Camera: "Nessun blocco degli accordi, ma  verrà rafforzata la sorveglianza, soprattutto sui mezzi di trasporto sospetti"

GORIZIA Nessuna sospensione degli accordi di Schengen, ma un rafforzamento dei controlli alle frontiere di Tarvisio e Gorizia. A intervenire sulla notizia, circolata in questi giorni, di un presunto blocco degli accordi di Schengen e il conseguente ripristino delle frontiere, è il vicepresidente del Comitato Schengen alla Camera Giorgio Brandolin, che precisa: "Non si tratta di un blocco delle frontiere e della sospensione di Schengen (provvedimento che è di esclusiva competenza del Governo), bensì di un rafforzamento delle operazioni di controllo.

Giorgio Brandolin

Ho avuto rassicurazioni in tal senso contattando direttamente Mario Morcone, capo del Dipartimento Immigrazione al Viminale, assieme al responsabile Welfare del Pd Micaela Campana, e ho saputo che il provvedimento riguarda un rafforzamento delle ore di sorveglianza delle frontiere di Tarvisio e Gorizia, con la raccomandazione di porre la massima attenzione ai mezzi di trasporto sospetti (auto e camion), così da contrastare più efficacemente i fenomeni di immigrazione irregolare".

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/9, Castelli: "Ecco quanto metteremo contro il caro bollette e i ristori in arrivo"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi