I nuovi treni in servizio a giugno

In arrivo nuovi treni a partire da giugno

Vertice tra Regione, pendolari e Trenitalia che dà garanzie sugli otto convogli spagnoli bloccati da anni

Stavolta l’impegno di Trenitalia e Rfi «è decisivo», dice Mariagrazia Santoro al termine di un incontro che ha messo faccia a faccia i vertici della Ferrovie e gli utenti colpiti da anni di disservizi. Promesse e rassicurazioni a parte, l’assessore alle Infrastrutture incassa una previsione temporale certa sull’entrata in servizio degli 8 treni spagnoli acquistati dalla Regione nel 2011. Entro metà giugno, è l’accordo di ieri pomeriggio, i mezzi saranno a disposizione del trasporto ferroviario Fvg.

La riunione era molto attesa dai pendolari. Il comitato che li riunisce, nel blog che raccoglie proteste e suggerimenti, aveva parlato di qualità del servizio 2014 «assolutamente insoddisfacente», evidenziando le questioni della rimodulazione dell’orario cadenzato, della messa in esercizio dei nuovi Caf Civity, del mancato aggiornamento delle biglietterie self service sulla tratta Udine-Tarvisio. Ieri, a quanto pare, sono arrivate risposte convincenti dal direttore della Divisione passeggeri di Trenitalia Orazio Iacono, dalla responsabile direzione Passeggeri per Fvg e Veneto Maria Annunziata Giaconia, dal direttore commerciale e di esercizio di Rfi Giorgio Botti. «Gli impegni assunti sono decisivi e ci fanno sperare in un netto cambio di passo nella qualità», afferma Santoro citando in particolare «la messa in servizio della nuova flotta dei treni Caf entro la metà di giugno, la risoluzione dei problemi sulla linea 15 Tarvisio–Udine–Trieste e le attese di una maggiore cura dell’informazione in tempo reale a favore dei pendolari».

Da parte di Iacono la generica garanzia che «il tema del trasporto regionale, che riguarda in Italia 2 milioni di passeggeri al giorno e coinvolge oltre 8mila treni, è al primo posto». E pure la considerazione che il Friuli Venezia Giulia «è una regione virtuosa per regolarità nei pagamenti e attenta programmazione dei servizi», con Trenitalia che annuncia investimenti «soprattutto nel miglioramento dei parametri di comfort, puntualità, pulizia».

Ma ci sono anche impegni precisi. Se gli elettrotreni spagnoli devono entrare in funzione prima del 15 giugno, le prove di omologazione andranno completate entro marzo. E, per quel che riguarda la linea 15, dove sono in corso lavori di manutenzione straordinaria, è Rfi ad assicurare che i lavori termineranno, condizioni climatiche permettendo, prima della fine aprile, «quando saranno risolti tutti i problemi di degrado che riguardavano sei punti della rete».

Trenitalia rende inoltre note alcune novità attive già da dicembre 2014 che riguardano un miglior controllo sulla gestione del materiale e una manutenzione organizzata per flotte al fine di assicurare maggiore comfort. Quanto alla puntualità, emerge dall’incontro, alcuni miglioramenti sono già stati registrati sia dai pendolari che da Trenitalia, nel confronto tra i dati di gennaio 2014 e gennaio 2015, con un incremento percepito di circa 10 punti percentuali. Santoro, sollecitato il reintegro dell’ultimo treno notturno Venezia-Trieste, avverte infine: «La Regione continuerà a fare da pungolo per assicurare i livelli di servizio che il territorio merita».
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crollo ghiacciaio Marmolada, continuano le ricerche dei dispersi: le immagini dal drone

Tataki di manzo marinato alla soia, misticanza, pesto “orientale” e lamponi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi