In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Prosciugati i risparmi dell’anziano. Il pm: processate la badante

In neanche un anno Patrizia Gec ha sottratto almeno 200mila euro dal conto corrente dell’uomo e gli ha fatto sottoscrivere debiti per ottenere finanziamenti. Querela partita dal figlio della vittima

2 minuti di lettura

Almeno 200 mila euro scivolati dal conto dell’anziano a quello della badante: un flusso costante durato meno di un anno. Quelli erano i soldi che l'uomo aveva risparmiato in una vita di lavoro come impiegato in una filiale di una banca in città, senza mai concedersi un piccolo lusso che fosse una cena fuori o un viaggio.

Dei soldi spariti si è accorto casualmente il figlio dell’anziano, che poi si è rivolto ai carabinieri davanti ai quali ha sporto querela. La badante finita nei guai si chiama Patrizia Gec, 43 anni, abita in via Rigutti 3. Il pm Massimo De Bortoli la accusa di avere svuotato il conto corrente dell’anziano che l’aveva assunta come badante abusando del suo grave stato di infermità e deficienza psichica. Ma anche di avergli fatto sottoscrivere debiti per ottenere finanziamenti. L’uomo, classe 1936, è affetto da cardiopatia ischemica ipertensiva, emiparesi e obesità. Non riesce a muoversi se non con una carrozzina spinta da chi lo accudisce. Il pm De Bortoli ha chiesto il rinvio a giudizio della badante per falso, circonvenzione di incapace e sostituzione di persona. La data fissata per l’udienza davanti al gip Giorgio Nicoli è quella del prossimo 28 gennaio. La badante è difesa dall’avvocato Antonio Baici; parte civile l’avvocato William Crivellari.

Il primo episodio, dal quale sono scattate le indagini, risale al luglio del 2012. La badante aveva scritto di proprio pugno una lettera falsificando la firma dell’anziano. Nel testo si dichiarava garante di un prestito bancario. Così la donna ha consegnato il documento all’impiegato della filiale Unicredit di via Caducci con la quale ha stipulato un contratto di finanziamento per la cifra di tremila euro. Ha pagato però soltanto le prime due rate. Alla fine il debito insoluto è stato attribuito all’ignaro pensionato.

Dalle indagini dei carabinieri è emerso poi che nel marzo del 2012 Patrizia Gec aveva chiesto e ottenuto dall’anziano diverse e consistenti somme di denaro. Praticamente gli ha svuotato il conto. Un vero e proprio fiume. Tant’è che l’uomo rimasto senza soldi, per il tramite della stessa badante, aveva chiesto un fido di 1200 euro per far fronte alle esigenze personali del proprio mantenimento quotidiano.

La badante, secondo le indagini, è riuscita inoltre a convincere l’anziano a chiedere all’Inps la cessione di un quinto della pensione (che ammonta a 1650 euro) per poter ricevere sul proprio conto corrente da una finanziaria un prestito di 21 mila euro. Questo denaro avrebbe dovuto estinguere un debito personale di diecimila euro che la donna aveva contratto con un’altra finanziaria.

E ancora. I carabinieri hanno scoperto che nel periodo da fine marzo 2012 al luglio dello stesso anno la donna aveva effettuato prelievi per quasi ottomila euro utilizzando la carta bancomat che l’anziano le aveva consegnato per le spese di casa.

In un’altra occasione poi Patrizia Gec ha accompagnato l’uomo alla filiale Unicredit di Opicina dove egli ha prelevato la somma di cinquemila euro. È successo il 13 aprile 2012. In quella circostanza il cassiere ha consegnato direttamente nelle mani della badante il denaro prelevato. Importo che, secondo le indagini, la donna aveva trattenuto per far fronte alle proprie esclusive esigenze personali.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori