Porte aperte al Cara, esperimento riuscito

Circa duecento gli spettatori che hanno seguito il concerto della band del pianista Claudio Cojaniz. Sul palco anche un ospite afghano che ha intonato “Giochi proibiti”