In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Finalmente torna il tram di Opicina. Un viaggio, tre cerimonie

Venerdì l’inaugurazione. La linea era ferma da 2 anni. Il restauro è costato 1 milione di euro. Cosolini: «Operazione faticosa, ma ce l’abbiamo fatta»

di Gabriella Ziani
1 minuto di lettura

Dopo molte pene, due anni di sosta completa, sospiri e rammarichi e raccolte di firme e ricordi del bel tempo che fu e rimpianti per il turismo deluso e mille altre cose oltre a un milione di euro spesi in restauri ai binari e a un mese di collaudi, venerdì il celebre “disgraziato” tram si rimette finalmente in moto, quanto meno con una cerimonia di inaugurazione in tre tappe che accompagnerà una sola carrozza (intanto) da piazza Oberdan fino a Opicina, con sosta a Campo Cologna.

La giornata coincide con la Festa dei commercianti di Opicina, una “notte dei saldi-bis” che prevede il centro della frazione chiuso al traffico, per cui chi vorrà far festa, la farà.

Le corse di servizio invece inizieranno qualche giorno più tardi, mentre l’ultimo collaudo è fissato per mercoledì. «È stata un’operazione faticosa - dice il sindaco Roberto Cosolini - , per il reperimento dei soldi innanzitutto, che abbiamo poi trovato nel bilancio tra “maggiori utili” incamerati, e poi per la lunga fase del collaudo. I lavori alle traversine erano completati già a fine maggio, non immaginavo (quando parlavo di inaugurare a primavera) che la fase di prove richiedesse tanto tempo. Adesso, in un anno in cui il turismo conosce a Trieste un successo fortissimo e non solo per i grandi eventi, e mentre anche col portale “Discover Trieste” stiamo organizzando una solidità a questo successo, siamo in grado di restituire il tram ai turisti, ma anche agli abitanti di Scorcola che in modo particolare hanno avuto disagi dalla mancanza di questo mezzo di trasporto: avevo chiesto alla Provincia qualche sostituzione in più, ma è stato impossibile fornirla».

Regista dell’inaugurazione del tram, fermo dal settembre 2012 e per la seconda volta rimesso a nuovo (nel 2006 il rifacimento di carrozze e sistemi informatici era costato ben 7 milioni di euro) è l’assessore allo Sviluppo economico, Edi Kraus: «Alla partenza in piazza Oberdan ci saranno la benedizione della carrozza, i saluti delle autorità, che poi saliranno a bordo e ripeteranno la cerimonia a Campo Cologna con il presidente della terza circoscrizione e con gli abitanti di Banne e Conconello, e infine di nuovo all’arrivo a Opicina, dove nella sede della banca Zkb sarà anche inaugurata una mostra storica». I dettagli saranno annunciati nei prossimi giorni ma appunto è già sicuro che sarà solo la “carrozza-sentinella” a inerpicarsi per il viaggio di avvio, con a bordo “la proprietà”: vertici di Comune e di Trieste Trasporti che ha in gestione la linea. Sarà probabilmente con lunedì (ma le conferme arriveranno in via ufficiale) che il centenario tram tornerà al lavoro, dopo così lunga, grave malattia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori