In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Senza vignetta in Slovenia: 40mila multati

Italiani il maggior numero dei trasgressori nel 2013, seguti da rumeni e tedeschi. Molte automobili con bollini già scaduti

2 minuti di lettura

TRIESTE. Niente da fare, i furbetti dell’autostrada non demordono mai. Ne sanno qualcosa alla Dars, la società slovena che gestisce la rete autostradale nazionale, che anche quest’anno hanno emesso il triste bollettino (per le sue casse non certo rigogliose) di coloro i quali hanno cercato di viaggiare su autostrade e superstrade senza la fatidica vignetta ma sono stati beccati o dalla polizia o dagli ispettori della Dars. Nei primi undici mesi del 2013 la cifra dei trasgressori multati ha toccato quasi quota 40mila, per l’esattezza 39.147. Per quanto riguarda la speciale classifica per nazionalità, le cifre in possesso della Dars si riferiscono al 1 agosto di quest’anno e al primo posto svettano, ancora una volta, gli italiani, vuoi per l’italico gusto di farla franca, vuoi perché vista la vicinanza dei due Paesi il numero di italiani che viaggia sulle strade della Slovenia è molto più elevato di quello di altri Paesi. Dunque tra i trasgressori gli italiani raggiungono quota 2408, seguiti dai rumeni (2358) e dai tedeschi (1837). Fuori dal podio, al quarto posto, ci sono gli sloveni (1320), seguiti nell’ordine da austriaci (1054), croati (929), francesi (791), bulgari (749), svizzeri (645), turchi (634), bosniaci-erzegovesi (613), polacchi (605), olandesi (596), serbi (595), ungheresi (516) e cechi (503). Alla Dars sono convinti che la maggior parte dei trasgressori conosce bene la regola per cui sulle autostrade della Slovenia vige il regime delle vignette. «Molti viaggiano - spiegano i responsabili della società autostradale slovena - senza alcuna vignetta, altri con una vignetta scaduta ma ci sono molti che cercano di evitare il pedaggio circolando sulle strade secondarie ma poi si ritrovano inopinatamente sulla rete autostradale per raggiungere la propria meta». «La maggior parte di essi - spiegano ancora alla Dars - afferma di non sapere che la vignetta fosse obbligatoria oppure di non averla potuta acquistare e altre cose simili». In questo caso però gli ispettori della dars mostrano ai trasgressori le numerose tabelle stradali che avvertono per tempo dell’obbligatorietà della vignetta nonché le indicazioni che mostrano i punti vendita. In Slovenia le vignette per il 2014 sono di colore viola, costano di più e - per la prima volta - interessano a parte i veicoli commerciali leggeri, che finora sulle autostrade slovene potevano circolare con il bollino per le automobili. Con il primo gennaio, infatti, furgoni e veicoli commerciali leggeri pagheranno il doppio. Il prezzo della vignetta annuale, lo ricordiamo, per le automobili il cui peso non supera le 3,5 tonnellate è di 110 euro che scende a 30 euro per le mensili e a 15 euro per le settimanali. Per le motociclette il prezzo annuale è di 55 euro), semestrali 30 euro, settimanale 7,50 euro. La novità principale è l'introduzione di una nuova categoria di pedaggio per i veicoli commerciali leggeri, la cui altezza, misurata all'asse anteriore, è pari o superiore a 1,3 metri. Per loro, la vignetta annuale costa 220, quella mensile 80, la settimanale 40 euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori