In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Poliziotto triestino spara alla moglie a Padova e si suicida

Gabriele Ghersina (38 anni) del Reparto Mobile di Padova, l'ha uccisa con un colpo alla nuca. I due cadaveri trovati dai colleghi del reparto

1 minuto di lettura

Un poliziotto di origine triestina del Reparto Mobile di Padova ha ucciso la moglie con un colpo di pistola e si è suicidato con la stessa arma. Il fatto è avvenuto a Cadoneghe (Padova) ed è stato scoperto dai colleghi del poliziotto che sono andati da lui non avendolo visto arrivare al lavoro. Il motivo del gesto sarebbe riconducibile a motivi sentimentali.

Le vittime sono Gabriele Ghersina, 38 anni, assistente capo del secondo reparto mobile, armiere, nato a Trieste, qui residente fino al '97 e poi trasferitosi a Padova dopo il corso d'arruolamento in Polizia; e Silvana Cassol, 50 anni, ex vigile urbano, oggi impiegata nella segreteria del servizio edilizia pubblica del Comune a palazzo Moroni. I due si erano sposati nel 2011. La donna aveva due figli maggiorenni da un precedente matrimonio: il ragazzo di 23 anni, la ragazza di 20. Ma i due figli non vivevano a Cadoneghe nell'abitazione della coppia e sono arrivati sul posto della tragedia una volta avvisati del fatto.

Sul posto, subito dopo che è scattato l’allarme sono giunti il Questore di Padova Vincenzo Montemagno, il capo della squadra Mobile Marco Calì e il pm di turno Vartan Giacomelli. Sui problemi della coppia, al momento, non è trapelato nulla mentre sarebbe chiara la dinamica dell’omicidio-suicidio . I colleghi, a sorpresa, stamane, non hanno visto giungere al lavoro l’agente quindi hanno telefonato a un vicino di casa per chiedere di andare a controllare.

Poi sono andati sul posto visto nessuno apriva. Hanno deciso di entrare nell’abitazione trovando i due corpi privi di vita. Il corpo della donna era a letto, quello del marito lì vicijno nella stessa stanza. In base alla prima ricostruzione, l'uomo le avrebbe sparato un colpo di pistola alla nuca mentre lei dormiva e poi si è suicidato.

Ampi servizi sul giornale in edicola giovedì 23 maggio.

I commenti dei lettori