In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il bonus pensioni ritorna a novembre

A giorni scatterà la seconda erogazione di cento euro. L’assessore Brandi: «Un aiuto tangibile». Ma l’opposizione attacca

2 minuti di lettura

di Gianpaolo Sarti

TRIESTE

Poco importa se questi 100 euro in più cominceranno ad arrivare nel giorno in cui si commemorano i defunti. I pensionati ringraziano comunque. Perché la Regione, almeno stavolta, mantiene le promesse: i primi di novembre, per alcuni già mercoledì prossimo, parte il contributo per chi vive con la minima. E sono 70 mila in tutto il Friuli Venezia Giulia. È il secondo sussidio, dopo i 100 euro recapitati a luglio seppur con qualche intoppo di troppo. Colpa dei Comuni, aveva lamentato all’epoca l’assessore al Lavoro Angela Brandi, colpa di tutti quei Comuni che non avevano mandato all’Inps i dati necessari, rallentando così l’intera operazione. Gli uffici anagrafe se l’erano presa comoda e la gente ha dovuto aspettare. Ma ieri, durante la seduta del Consiglio regionale, l’assessore ha confermato che per questa nuova partita tutto sta filando liscio. Vero è che martedì prossimo si festeggiano anche i Santi, ma i soldi non piovono dal cielo: sono stati stanziati in una precisa voce della legge di variazione di bilancio votata lo scorso mese di luglio. Nove milioni di euro, pronti per essere erogati adesso. E Brandi brinda: «L’aver rispettato i tempi previsti – commenta contenta – è in primo luogo un segnale di serietà espressa verso quei cittadini ai quali questo bonus offre un sostegno tangibile per affrontare la difficoltà del confronto quotidiano con i costi della vita rapportati alla dimensione minima del reddito. Va anche ricordato – aggiunge - che quest’intervento aggiuntivo per i titolari di pensioni minime, di pensioni sociali e di assegni sociali, è stato il frutto di una collaborazione con l’Inps con il cui impegno comune, nonostante le difficoltà burocratiche e amministrative che una simile iniziativa comporta, siamo riusciti ad erogare le integrazioni pensionistiche nei tempi prefissati. Ritengo che in questo modo abbiamo dato una risposta, in maniera concreta e puntuale, a chi effettivamente ha bisogno e rappresenta una delle fasce più deboli della nostra comunità. Per questo - conclude - desidero esprimere un ringraziamento al presidente Tondo, il quale ha sostenuto e promosso con convinzione quest’iniziativa, che ha dimostrato come la pubblica amministrazione possa essere efficace e realmente vicina ai problemi della gente». Tanta soddisfazione che giunge, a dire il vero, in momento di polemica in aula. È stato il consigliere del Pd Paolo Pupulin, con un’interrogazione, a chiedere spiegazione sui criteri adottati nella scelta dei beneficiari e a bacchettare l’assessore per i lunghi ritardi della tranche precedente. La questione, poi, si è chiusa con la promessa di rispettare le tempistiche programmate. Dai banchi dei consiglieri è partita anche la proposta di utilizzare lo strumento dei voucher per sostenere l’inserimento lavorativo a tempo determinato delle persone disoccupate. È quanto ha sollecitato Enore Picco, esponente della Lega, rivolgendosi all’assessore Brandi attraverso un’interrogazione. Picco ha spiegato che «la Regione dovrebbe spingere tutti gli enti locali a ricorrere ai voucher. Sono gettoni snelli, immediatamente spendibili, permettono a chi cerca lavoro di trovare un’occupazione, seppur temporanea e, soprattutto, costituiscono un ottimo antidoto al lavoro nero. Per capirci – spiega il leghista – il lavoratore incassa il gettone e può immediatamente andare a fare la spesa. Sembra banale, ma oggi non lo è affatto». Sarebbe questo, sostiene il consigliere «uno strumento contrattuale innovativo per l’assunzione dei lavoratori in via straordinaria, occasionale e temporanea: riduce i costi di gestione per la Regione e garantisce occupazione e reddito per soggetti che, al momento, ne sono privi. Giusto, quindi – conclude – che la Regione miri all’acquisizione di una condizione occupazionale stabile ma è fondamentale intervenire subito per tamponare le falle».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori