Il campo di via Cosulich dedicato Costanzo Ciano

Intitolazioni inesistenti (vedi il teatro di corso del Popolo che non ha neppure un’insegna all’esterno) e intitolazioni dure a morire. È il caso dello stadio di Panzano. Se infatti Gorizia ha da 86...

Intitolazioni inesistenti (vedi il teatro di corso del Popolo che non ha neppure un’insegna all’esterno) e intitolazioni dure a morire. È il caso dello stadio di Panzano.

Se infatti Gorizia ha da 86 anni un cittadino onorario “ingombrante”, vale a dire Benito Mussolini, il duce mai rimosso dalla lista dei beneriti della città Sacra alla Patria, anche Monfalcone ha le sue dediche “scomode”. Il ”Cosulich” del rione operaio è infatti un nome adattato e preso in prestito dalla via su cui si affaccia lo stadio. L’impianto, ufficialmente, risulta accatastato con un’intitolazione che risale al 1926 ed è rivolta a Costanzo Ciano, padre di Galeazzo, all’epoca ministro delle Comunicazioni, il quale presenziò in quell’anno all’inaugurazione del polo sportivo. Di qui la dedica.

Nel dopoguerra, rimossi i simboli del Ventennio, l’impianto di via Cosulich è diventato negli anni lo stadio Cosulich. Così, almeno, è avvenuto negli atti del Comune, nelle carte federali e nel linguaggio dei monfalconesi. Ma non al Catasto, dove l’intitolazione resiste ancora. (t.c.)

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi