In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Carnevale di Muggia: vittoria con il Brivido, l'acqua rigenera

Primi a una sola lunghezza della Trottola che ha stupito con i suoi costumi. Terzi Mandrioi e Bellezze Naturali

2 minuti di lettura

MUGGIA Sfilata all'insegna del colore e dell'allegria Ed è un bel 110 quello che si porta a casa quest'anno la Brivido ed il suo tema "Acqua (H2O) Liscia...Salata...o da Brivido, che intasca la vittoria con un solo punto di scarto dalla Trottola che di punti ne guadagna 109. Al terzo posto, a pari merito, si piazzano i Mandrio e le Bellezze Naturali con uno stacco di ben quindici punti dalla capolista. Fuori dal podio, invece, la Lampo con un punto solo in meno dalle prime due con 94. Al sesto, con 88 punti ci sono i Bulli e Pupe, al settimo l'Ongia con 80 ed infine, la Bora con 72. Una vittoria non scontata, anche se si tratta della 22esima per la compagnia, ma sicuramente auspicata dato il lavoro certosino ma rilassato ( la compagnia ha come regola di entrare in capannone per la costruzione vera e propria dei carri solo dopo la Befana n.d.r) come da ammissione, pochi giorni fa' dello stesso presidente Stefano Bensi, che evidentemente ha portato i suoi frutti. Una vittoria premiata anche dal tempo, almeno in mattinata e nel primo pomeriggio, che ha visto temperature miti e sole. Aria di primavera che ha subito fatto riversare un cospicuo gruppo di mascherine. A partire dalle 13 il nutrito gruppo di spettatori si è diretto lungo il corso della sfilata andando alla ricerca dello spazio migliore per assistere all'evento. Partita alle ore 13.30 da via Forti, la Sfilata dei carri allegorici - le cui immagini più belle si potranno ammirare in differita sul sitowww.carnevaldemuja.com - che ha già raggiunto la cifra record di 167mila contatti da tutto il mondo - ha poi percorso tra due ali di folla festanti e colorate via D'Annunzio, via Roma, piazza della Repubblica, Largo Caduti della Libertà per concludersi in via Battisti. e tornare ai capannoni di via Trieste. Svariati i temi proposti ma quello che salta all'occhio e che tutto è nel segno dell'allegria e del buono umore, quasi niente di sarcastico e riferito alla politica o alla situazione attuale tranne un piccolo accenno ai paradisi fiscali custoditi da due bionde angeliche con nota piccante annessa data dalla guepière bianca intravista da un profondo spacco laterale e un'improbabile Premier con tanto di trombini immerso nell'immondizia partenopea che lancia monete d'oro. Tutto, quindi, è all'insegna dei giochi di parole e delle diverse interpretazioni del tema proposto. Molto ricchi i costumi sia nelle lavorazioni che nelle fogge e nei colori che nella maggior parte delle volte sono declinati nei diverse tonalità dell'arcobaleno o leggermente più fluo. I materiali per i costumi sono i più svariati ma soprattutto organza, taffetas ma non mancano inserti in plastica, cartone o cotone, quest'ultimi soprattutto utilizzati per i copri capi ma sempre con un occhio di riguardo per il riutilizzo ed il riciclo. Curiosi anche i costumi quasi interamente dipinti che hanno dato dei risultati lodevoli. Protagonisti dell'evento sono stati i trattori, di cui il più vecchio, risale addirittura al 1938 e la forza degli stesse maschere che hanno spinto, il più delle volte a braccia i carri minori con solo qualche leggero disguido quando alcuni refoli di bora hanno iniziato a fare i dispetti aumentando il livello di comicità. Vince la Brivido con un tema dedicato all'acqua. Bellissime scenografie con tutti i tempi possibili e un suggestivo arcobaleno formato dai bambini. Il carro principale rappresenta la fontana della giovinezza. Sconto garantito sugli anni a chi ci si avvicina. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori