In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Nuovo ricorso su Porto Vecchio: lo firma Zamparini

Udienza al Tar l’11 novembre. Boniciolli: ma le ragioni nel frattempo potrebbero venir meno

Piero Rauber
2 minuti di lettura
Porto Vecchio 
L’annunciato resort turistico di Grado, un villaggio a cinque stelle tra golf, terme e centri sportivi da 500 milioni, resta il suo chiodo fisso. Tuttavia Maurizio Zamparini non ha voltato le spalle a Porto Vecchio. I suoi partner e advisor territoriali, i commercialisti Eugenio Del Piero ed Enzo Cainero, rilanciano la sfida alla concessione del waterfront asburgico al cartello Maltauro-Rizzani de Eccher con un secondo ricorso al Tar dopo quello appena presentato dall’altra grande sconfitta, la Save di Venezia, la società di gestione del terzo polo aeroportuale d’Italia.

LA SFIDA
È vero che a raffreddare gli originari entusiasmi dell’imprenditore di Aiello per il recupero turistico-commerciale da 800 milioni di Porto Vecchio, mega-acquario compreso, si son messe la crisi globale e la concessione negata. Come è vero che sempre Zamparini ha già declinato l’invito di Maltauro a entrare nella cordata che si è aggiudicata la gara bandita dall’Autorità portuale. Non intende insomma fare il rimorchio, il vulcanico presidente del Palermo Calcio, l’inventore della catena Mercatone Emmezeta oggi a capo di un colosso specializzato in investimenti immobiliari turistico-commerciali.

IL RICORSO
L’indizio viene come detto dal Tribunale amministrativo regionale dove da dieci giorni risulta depositato il ricorso dell’avvocato romano Luigi Manzi e di quello giuliano Gianni Zgagliardich per conto della Trieste Porto Vecchio Development Company. Si tratta della Srl guidata dal Gruppo Zamparini, con alle spalle Antonveneta e Popolare di Vicenza e la regia di Eugenio Del Piero ed Enzo Cainero. Il primo, padre dell’ex assessore regionale alle Finanze della giunta Illy Michela e assessore comunale all’Economia a Trieste nel primo mandato da sindaco dello stesso Illy, è l’amministratore unico. Cainero, candidato sindaco del centrodestra a Udine lo scorso anno, motore delle tappe regionali del Giro d’Italia, è invece socio della Srl ed è il primo advisor di Zamparini.

IL BLOCCO Ed è proprio Cainero, con una frase sibillina, a suggerire la portata del ricorso, là dove dice che «a noi dispiacerebbe che venissero fatti dei lavori in Porto Vecchio da parte di qualcuno». Se Save, nel rivolgersi al Tar, ha lasciato aperte le porte a un puro esame di merito - cosa che contentirebbe la prosecuzione dell’iter di Porto Vecchio con la causa in corso - la Porto Vecchio Development ha invece chiesto la cosiddetta udienza di sospensiva, in agenda il prossimo 11 novembre. Qualora il Tar accogliesse l’istanza, la concessione al cartello Maltauro-Rizzani de Eccher verrebbe temporaneamente invalidata, in attesa di una sentenza definitiva.

I RETROSCENA
Ma entro quella data non sono esclusi neanche nuovi scenari clamorosi. Forse un accordo accelerato tra le cordate che ne dosi peso e dignità, tale da convertire al plurale quel ”qualcuno”. «Non sono preoccupato - frena il numero uno dell’Authority Claudio Boniciolli, sibillino a sua volta - perché le ragioni del ricorso potrebbero venir meno. D’altronde sono stati i ricorrenti a chiedere lo spostamento della sospensiva, fissata originariamente per il 28 ottobre (domani, ndr), all’11 novembre. Un motivo ci sarà, in mezzo forse succede qualcosa...».

I MOTIVI
Per intanto fa fede il ricorso. «La nostra opposizione - precisa Del Piero - si basa sui motivi dell’esclusione, e cioè che il nostro progetto è stato ritenuto difforme al Piano regolatore (come per Save, ndr). In seconda battuta non è stata valutata debitamente, nella sua colleganza con il progetto della Porto Vecchio Development (per 366mila metri quadrati, ndr), la proposta per il tratto da Molo 0 a Barcola (ulteriori 79 mila metri quadrati, ndr) presentato dalla Mmtp, soggetto riferito alla stessa proprietà. Anche la nostra proposta comprende tutto il comprensorio».

PORTO VECCHIO, TUTTI I VOSTRI COMMENTI
I commenti dei lettori