Quanto la tecnologia influenza le nostra vite? Ce lo spiega Pif, sabato a Trieste con il suo ultimo film

Il regista Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, sarà sabato 21 maggio al cinema Ariston di Trieste

Il regista Pierfrancesco Diliberto in arte Pif presenta il 21 maggio alle 20.30 “E noi come stronzi rimanemmo a guardare”, satira sulla società contemporanea, in cui la tecnologia domina le nostre vite e il nostro lavoro. 

TRIESTE Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, sarà a Trieste sabato 21 maggio per una serata dedicata alla proiezione su grande schermo del suo terzo e più recente film da regista “E noi come stronzi rimanemmo a guardare” (Italia, 2021, 108’) al cinema Ariston, in Viale Romolo Gessi n.14, alle 20.30.

Il film, scritto da Michele Astori con Pif, è liberamente ispirato al concept “Candido e la tecnologia”, del collettivo I Diavoli; i protagonisti sono Fabio De Luigi e Ilenia Pastorelli; con loro nel cast, Pif, Valeria Solarino, Maurizio Marchetti, Maurizio Lombardi e Eamon Farren.

Ambientato in un prossimo futuro, il film è una satira sulla società contemporanea, in cui la tecnologia domina le nostre vite e gli algoritmi influenzano pesantemente il mondo del lavoro.

La proiezione è organizzata da La Cappella Underground in collaborazione con le associazioni sindacali CGIL Trieste, FISAC CGIL Trieste e NIDIL CGIL Trieste.

Arturo è un manager rampante che, senza sospettarlo, introduce l’algoritmo che lo renderà superfluo nella sua azienda. Perde così in un solo colpo fidanzata, posto di lavoro e amici. Per non rimanere anche senza un tetto si adatterà a lavorare come rider per FUUBER, una grande multinazionale, colosso della tecnologia. L'unica consolazione alla sua solitudine è Stella, un ologramma nato da una app sviluppata dalla stessa FUUBER. Ma dopo la prima settimana di prova gratuita, quando Arturo è ormai legato alla figura di Stella, lui non può permettersi di rinnovare l’abbonamento. Arturo si troverà così costretto a darsi da fare per ritrovare l'amore e la libertà, ammesso che esistano davvero…

Scrive Pierfrancesco Diliberto nelle note di regia: «Algoritmo. Oggi, questa, è la parola chiave per porre fine ad ogni discussione, lamentela o domanda. La frase da pronunciare esatta è: “Lo ha deciso l’algoritmo!”. Accompagnandola con una espressione di rassegnazione e alzando possibilmente le spalle. Come dire: “Io vorrei, ma non posso perché lo ha deciso l’algoritmo”. E visto che l’“algoritmo” ormai sovrintende, sempre più, le dinamiche di gran parte della società, sempre più saremo costretti a fare le cose più insensate e illogiche, cambiando magari usanze e tradizioni, fino a vivere una vita che non ci appartiene. E non sapremo mai il perché, visto che è difficile trovare qualcuno capace di spiegarci come funziona esattamente un algoritmo. Quando poi l’algoritmo si incomincia a utilizzare anche nel mondo del lavoro, quindi dei diritti, e non solo per la prenotazione del biglietto del cinema, allora la cosa diventa maledettamente seria».

 L’incontro con Pif sarà moderato dalla giornalista Simona Regina; parteciperanno al dibattito i rappresentanti sindacali della CGIL presenti in sala. «È una risata molto amara quella che suscita il film. Pif ci mostra una fotografia del mondo del lavoro che, come CGIL, purtroppo conosciamo bene» dichiara Nicola Dal Magro, segretario generale del Nidil CGIL Trieste. «Tutto ciò che di peggio stiamo vedendo crescere intorno a noi, soprattutto nel mondo dei lavoratori più precari, e che il film con grande ironia ci indica, è dal nostro sindacato monitorato, seguito e studiato. Il Nidil CGIL, oltre ad aver collaborato alla realizzazione del film, è sul territorio al fianco di queste lavoratrici e lavoratori nella lotta per la conquista dei loro diritti. Nonostante durante la pandemia siano stati definiti risorse essenziali e indispensabili, ancora oggi continuano a lavorare nella totale mancanza di sicurezza e di diritti. Il tutto dovuto a una legislazione che li vede come lavoratrici e lavoratori autonomi e ad un algoritmo che li obbliga a pedalare con freddo, pioggia e vento per consegnarci un pasto caldo. Oggi abbiamo raggiunto conquiste molto importanti ma non sufficienti e la battaglia al loro fianco continua».

«Come lavoratori e come consumatori siamo sempre più dipendenti, e non sempre in maniera consapevole, dall’algoritmo» aggiunge Piergiorgio Gori, Segretario Provinciale della Fisac CGIL Trieste «Logistica, banche, assicurazioni, commercio, processi industriali… siamo immersi in questo nuovo sistema, ed per noi molto importante capirlo e gestirlo prima che quanto chiamano oggi progresso diventi domani una sorta di schiavitù».

Pierfrancesco Diliberto, più conosciuto come Pif, è nato a Palermo nel 1972. Agli inizi della sua carriera lavora come assistente alla regia per Franco Zeffirelli (“Un tè con Mussolini”) e Marco Tullio Giordana (“I cento passi”). Nel 2000 diventa autore televisivo, acquistando celebrità attraverso il programma “Le Iene”, dove lavora come autore e inviato dal 2001 al 2010. Nel 2007 per MTV e poi per Tv8 realizza “Il Testimone”, tra i più originali e innovativi programmi del panorama televisivo odierno. Nel 2013 debutta al cinema con il suo primo lungometraggio, “La Mafia uccide solo d’estate”, vincitore di numerosi premi tra cui il David di Donatello per il Miglior Regista Esordiente e l’European film Award per la Miglior Commedia. Nel 2016 esce il suo secondo film “In guerra per amore”, vincitore del David di Donatello Giovani. Dal 2014 al 2018 conduce, insieme a Michele Astori, la trasmissione radiofonica “I Provinciali”, su Rai Radio 2. Nel 2019 è protagonista del film “Momenti di trascurabile felicità”, diretto da Daniele Luchetti. Nello stesso anno esce il suo primo romanzo “…che Dio perdona a tutti” (Feltrinelli) Nel 2020 incomincia un nuovo programma radiofonico su Radio Capital, “I Sopravvissuti”, sempre con Michele Astori. Nel 2021 pubblica “Io posso”, scritto insieme a Marco Lillo, edito da Feltrinelli. Pif è tra i vincitori del Premio Ernest Hemingway 2022 di Lignano Sabbiadoro.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il soldato che muore combattendo per salvare il compagno ferito

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi