Contenuto riservato agli abbonati

Un viaggio nel tempo lungo il confine orientale tra storie e grande storia

Il regista Ivan Bormann esordisce nella fiction mescolando personaggi veri a emarginati e gente comune

TRIESTE. C’è lo spericolato e imprevedibile aviatore-dandy Guido Keller, amante della cocaina e grande cultore del naturismo, che non si separa mai dalla sua aquila addestrata con la quale dorme, seminudo, appollaiato vicino a un albero: sarà uno dei protagonisti dell’avventura fiumana di D’Annunzio e fonderà, con Giovanni Comisso, il movimento Yoga. C’è il poeta Ligio Zanini, originalissimo cantore del dramma dell’Istria nel secondo dopoguerra, comunista libertario che credette nella Jugoslavia titoista salvo poi essere incarcerato a Dugi Otok: non tornò mai in Italia e visse da maestro elementare finché non si ritirò a fare il pescatore nel mare rovignese.

Video del giorno

Sudafrica, 22 giovani trovati morti in un night club: la polizia sul luogo della tragedia

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi