Contenuto riservato agli abbonati

La Biblioteca Isontina compie 200 anni: ecco due secoli di pagine di storia e passione

In un libro edito da Ronzani personaggi, collezioni e progetti di uno dei più antichi centri di cultura

GORIZIA La Biblioteca Statale Isontina, di cui è direttore ad interim dall’1 maggio Luca Caburlotto, trae le sue origini dalla raccolta libraria dei Gesuiti (1629-1773), soppressa da Maria Teresa per diventare poi una delle sei biblioteche degli studi della Monarchia austriaca nel 1822. Da quel 1822 sono passati ben 200 anni, molti illustri direttori, come Carlo Battisti, Guido Manzini, Otello Silvestri e poi Marco Menato e Angela Polo (l’unica donna assieme a Ester Pastorello e Amalia Pezzali ad aver ricoperto questo ruolo).

Alla

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi