Contenuto riservato agli abbonati

Cinquant’anni fa a Trieste la scomparsa improvvisa di Miela Reina la visionaria

Il 15 gennaio 1972 un malore costò la vita alla giovane pittrice e creativa una delle voci più innovative e originali dell’arte giuliana del secondo Novecento

TRIESTE. Esattamente cinquant’anni fa, il 15 gennaio 1972, Trieste perse Miela Reina, a soli 36 anni, una delle voci più importanti e significative dell'arte triestina del secondo Novecento. “La sola artista dell'area giuliana - scrisse Gillo Dorfles in ‘Preferenze critiche. Uno sguardo sull’arte visiva contemporanea’ (Dedalo, 1993) ad aver creato, nella breve stagione che va dagli anni Sessanta ai Settanta, un'opera non solo degna di essere ricordata e studiata, ma degna di essere considerata come una solitaria e inimitabile avventura della fantasia”.

Carlo

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi