Contenuto riservato agli abbonati

“Ghe pianto un pugno” La frase in dialetto di Joyce a Ezra Pound

Conservata alla Yale University del Connecticut una foto/cartolina diretta allo scrittore americano con una sibillina espressione in triestino firmata dall’autore dell’Ulisse

TRIESTE. «Ostia! Chi me dize qualcosa, arra? Ghe pianto un pugno entel muso, cossa?». Questa frase in un dialetto volgare e approssimativo non è stata scritta da un triestino avvezzo alla frequenza dell’angiporto della città giuliana, bensì porta la firma di uno dei più grandi e innovativi scrittori di tutti i tempi, James Joyce. E il destinatario della frase, vergata dietro una foto/cartolina, non è uno scavezzacollo qualsiasi, bensì un altro gigante della letteratura, il poeta e saggista americano Ezra Pound.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi