Contenuto riservato agli abbonati

Meyr: «Vero cittadino europeo» Tavano: «Coscienza etica vivace»

Gorizia piange il suo illustre concittadino. Il collaboratore politico Semolic: «A mio avviso la città non ha saputo capitalizzare la sua esperienza»

GORIZIA Viveva a Gorizia, in pieno centro. Di casa, però, Demetrio Volcic non usciva quasi più: al peso degli anni si erano aggiunti i problemi di salute. Non era uscito nemmeno per ricevere, a inizio ottobre, il Premio Santi Ilario e Taziano, il riconoscimento più importante del capoluogo isontino. Era nato a Lubiana, ma la madre era goriziana, triestino il padre.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi