Contenuto riservato agli abbonati

I ricami delle Orsoline di Gorizia, un filo tra terra e cielo che portava nel monastero la vita secolare

Da martedì ai Musei di Borgo Castello a Gorizia la prima delle tre tappe dedicate alla lunga presenza delle suore in città, dal 1672 al 2017

GORIZIA Nemmeno loro potevano pensare che lasciando Gorizia avrebbero suscitato tanto clamore. Evidentemente, avevano inciso non poco sulla vita spirituale, sociale e civile del territorio, al punto che per raccontare la lunga presenza delle Madri Orsoline nel capoluogo isontino, dove arrivarono nel 1672 per restarvi fino al 2017, viene realizzata una mostra.

Quella che viene inaugurata domani, alle 18, a Casa Morassi, è però soltanto la prima di tre esposizioni sul tema, tutte ospitate dai Musei Provinciali di Borgo Castello, gestiti dall’Erpac.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi