Contenuto riservato agli abbonati

Al ricreatorio Giglio Padovan sono cresciuti tanti campioni che non sono mai diventati ex

Franco Stibiel, presidente del Comitato dei vecchi allievi, firma un corposo volume sui 113 anni di vita dell’istituzione di via Settefontane, tra testimonianze, foto e tanto orgoglio

TRIESTE Ci sono libri che vengono coltivati amorevolmente, costruiti negli anni, con il desiderio quasi impossibile di voler raccontare un secolo abbondante di storia in ogni sua piega, personaggio, istante. Franco Stibiel nel suo “Giglio Padovan. Un ricreatorio, tante storie” (Calembour edizioni, pagg. 351, euro 15) ha riassunto 113 anni di vita di un’istituzione cittadina e almeno tre anni di lavoro certosino, scavando negli archivi, ascoltando con vorace curiosità le testimonianze di chi è stato negli anni protagonista della storica struttura di via Settefontane.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, nasce il "Coordinamento 15 ottobre"

Rosti di uova e rapa rossa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi