Contenuto riservato agli abbonati

Gadjiev e Mesaglio, talenti in ascesa in dialogo con i grandi del pianoforte

Dal 27 settembre la ventesima edizione del festival promosso da Chamber Music. Tra i maestri ospiti a Trieste Severin Von Eckardstein, Benedetto Lupo, Gile Bae

TRIESTE. Festeggia la sua 20° edizione, sempre nel segno di un confronto fra generazioni, il Festival Pianistico “Giovani interpreti e grandi Maestri”, di scena a Trieste dal 27 settembre al 29 novembre 2021, come sempre promosso dall’Associazione Chamber Music Trieste per la direzione artistica della musicologa Fedra Florit.

«Sarà l’occasione per testimoniare, dall’Osservatorio di Chamber Music, l’evoluzione del fare musica e per rinnovare l’attenzione alle nuove leve del pianismo nazionale e internazionale, in rapporto dialettico con interpreti autorevoli e accreditati del nostro tempo – spiega Florit –. Saranno infatti di scena, per la 20° edizione, giovani che stanno vivendo la loro consacrazione internazionale, come il goriziano Alexander Gadjiev, reduce dal primo premio al Sidney International online Piano Competition, e come il talentuoso pianista friulano Sebastiano Mesaglio, in grande ascesa. Accanto a loro il pubblico troverà tre artisti che possiamo annoverare fra i “maestri” del nostro tempo, come i pianisti Benedetto Lupo e Severin Von Eckardstein, e come l’artista olandese Gile Bal, musa del pianismo internazionale».

I primi tre concerti, il 27 settembre, 4 e 18 ottobre, saranno nella Sala Tergeste dell’Hotel Savoia, con doppio appuntamento alle 18 e alle 20. Per gli ultimi due concerti, l’8 e il 29 novembre, ci si sposterà al Teatro Miela, con inizio alle 19.30.

Si parte dunque lunedì 27 settembre con il concerto affidato ad Alexander Gadjiev, che solo poche settimane fa trionfava a Sidney. A Trieste eseguirà un programma interamente dedicato a Chopin. Esposizione musicale e cultura mitteleuropea, Gadjiev è cresciuto in una famiglia di musicisti e didatti, e ha vinto giovanissimo la XXX edizione del prestigioso Premio Venezia. Nel dicembre 2015, la svolta internazionale. Al 9° Concorso Pianistico Internazionale di Hamamatsu – uno dei dieci concorsi pianistici più prestigiosi al mondo – con giuria composta, tra gli altri, da Martha Argerich, Akiko Ebi, Sergey Babayan, che lo ha decretato vincitore assoluto. Le sue esecuzioni hanno incantato anche il pubblico. Da allora, Alexander viene regolarmente invitato ad esibirsi in tournée in Giappone e ad importanti Festival pianistici internazionali.

Lunedì 4 ottobre il testimone passerà al giovane e talentuoso pianista friulano Sebastiano Mesaglio, che si esibirà su pagine di Muzio Clementi, Ludwig Schunke e Johann Nepomuk Hummel. Classe 1990, udinese, Mesaglio si è diplomato con lode al Conservatorio Tomadini e ha ottenuto il Diplome Superieur d’Einsegnement presso l’Ecole Normale de Musique de Paris Cortot. Attualmente frequenta il corso di Fortepiano e Pianoforte romantico all’Accademia di Imola.

Lunedì 18 ottobre, ecco il primo concerto siglato da un grande maestro: Severin Von Eckardstein è uno dei maggiori pianisti tedeschi della sua generazione, acclamato nelle più prestigiose sale da concerto del mondo. La sua esibizione triestina proporrà musiche di Claude Debussy, Emmanuel Chabrier e Gustave Samazeuilh.

Penultimo concerto, lunedì 8 novembre, con sede che si sposta al Teatro Miela: di scena uno dei talenti pianistici più interessanti e completi del nostro tempo, Benedetto Lupo, che si è imposto all’attenzione del mondo musicale con l’affermazione nel 1989, primo italiano, al prestigioso Concorso Internazionale Van Cliburn. Da qui la collaborazione con le più importanti orchestre americane ed europee. A Trieste proporrà musiche di Brahms e Schumann.

Gran finale, lunedì 29 novembre, sempre al Teatro Miela: riflettori sulla pianista olandese Gile Bae, artista Bösendorfer dal 2018, protagonista al Teatro Olimpico di Vicenza di una memorabile esecuzione delle Variazioni Goldberg di Bach. A Trieste si esibirà su musiche di Bach.

A suggello del Festival Pianistico 2021 sono tre i concerti fuori abbonamento programmati da Chamber Music Trieste nell’autunno 2021: giovedì 14 ottobre di scena l’Odhecaton Ensemble, per una produzione in collaborazione col Tartini: la prestigiosa formazione vocale si esibirà su musiche del compositore Mirco De Stefani.

Lunedì 22 novembre, al Teatro Miela, appuntamento con il Josef Suk Piano Quartet affiancato dal Quntetto degli Slowind. E infine lunedì 20 dicembre, alle 18, gli auguri di Natale all’Hotel Savoia affidati al Duo Milan Perišić baritono - Hiromi Arai pianoforte, su pagine musicali di Ibert e De Falla. Info: acmtrioditrieste.it

Video del giorno

Friday for Future a Gorizia: centinaia di giovani sfilano per l'ambiente

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi