Contenuto riservato agli abbonati

Il viaggio di Dedica a Paolo Rumiz prende il mare con la Barcolana

Il giornalista e scrittore Paolo Rumiz protagonista del l festival “Dedica” di Pordenone

Primo appuntamento il 9 ottobre a Trieste alla Sala Luttazzi in Porto vecchio. Il giornalista dialogherà con Björn Larsson protagonista della scorsa edizione

Sarà Paolo Rumiz, giornalista, scrittore, viaggiatore con una lunga carriera costellata di numerosi premi e riconoscimenti, il protagonista di Dedica 2021, il festival organizzato dall’associazione culturale Thesis di Pordenone, in programma quest’anno dal 16 al 23 ottobre. Un’edizione attesa e speciale nonostante le difficoltà legate alle misure sanitarie contro il Covid, dove le proposte da seguire saranno molteplici come prevede la sua originale formula che concentra in un’intensa settimana teatro, conversazioni, musica, arte, libri, offrendo una vera immersione nel mondo dell’autore protagonista. A cominciare dall’appuntamento che Dedica organizza, sabato 9 ottobre a Trieste (Magazzino 26 del Porto Vecchio, Sala Luttazzi, ore 18) nell’ambito di “Barcolana. Un mare di racconti”, rassegna curata da Alessandro Mezzena Lona, giornalista e scrittore, dal titolo “Con il viaggio negli occhi” che ospiterà Paolo Rumiz e Björn Larsson, protagonista di Dedica nel 2017. Una conversazione imperdibile fra due grandi della letteratura dove si parlerà di mare, di viaggi, di libri, esperienze e suggestioni con uno spazio rilevante dedicato alla scrittura.

Svelati tutti gli appuntamenti dell’edizione 2021di Dedica, presentati ieri a Pordenone, dal curatore del festival Claudio Cattaruzza, che prima di illustrare il programma ha voluto esprimere solidarietà al popolo afgano attraverso il saluto allo scrittore afgano Atiq Rahimi, protagonista di Dedica 2018. Invece, Paolo Rumiz, attualmente in Grecia, ha inviato un suo video di saluto dicendosi grato ed emozionato per l’omaggio che Dedica gli rivolge. «Non vedo l’ora di incontrarvi a Pordenone», ha chiuso così il messaggio.

Il progetto Dedica è sostenuto da istituzioni ed enti pubblici – in particolare dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dal Comune di Pordenone, da PromoTurismoFVG, dalla Fondazione Friuli – e realizzato con il sostegno di importanti soggetti privati fra i quali lo special partner Servizi Cgn. Inoltre l’edizione 2021 del festival si svolge con il patrocinio del Ministero della Cultura, delle Università di Venezia Ca’ Foscari, di Udine e di Klagenfurt e dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia. Numerose le collaborazioni prestigiose e l’amicizia di molte realtà, fra le quali il festival Vicino/lontano, il festival del Giornalismo di Ronchi dei Legionari e il festival “Barcolana. Un mare di racconti”. A inaugurare la rassegna monografica e presentare Rumiz al pubblico, sabato 16 ottobre, nel Teatro Verdi di Pordenone, alle 16.30 – finalmente in presenza - sarà la scrittrice Federica Manzon, autrice anche della lunga intervista inserita nella monografia Dedica a Paolo Rumiz realizzata per il festival e che contiene due testi di Rumiz in esclusiva per Dedica. In questa occasione il protagonista del festival riceverà il Sigillo della Città di Pordenone, prestigioso riconoscimento assegnato «a persone che onorano l’alto senso del sociale, della cultura e della politica. Da anni poi, Dedica diviene vetrina per la prima presentazione del nuovo libro pubblicato dall’autore ospite, un evento che si ripeterà anche in questa edizione, martedì 19 ottobre, alle 20.45, in Sala Capitol a Pordenone Nel corso della serata, intitolata “Una storia di argento e zaffiro”, condotta da Alessandro Mezzena Lona, Paolo Rumiz parlerà al pubblico del suo ultimo “nato”, Canto per Europa, (Feltrinelli) “richiamo a ciò che siamo e da dove veniamo”. Nell’occasione, il protagonista di Dedica riceverà il Premio Crédit Agricole FriulAdria “Una vita per la scrittura”. Al festival quest’anno saranno allestite tre le mostre, la cui inaugurazione è in programma domenica 17 ottobre, alle 10, nell’Auditorium della Regione a Pordenone. Moltissimi e intensi gli eventi e le produzioni originali legati al teatro, al cinema che indagheranno il mondo di Rumiz attraverso uno sguardo attento, sfaccettato e originale.

Tra le tante peculiarità e sezioni del festival, da segnalare la conferma per l’attenzione crescente al mondo della scuola che si declina con momenti speciali dedicati allo scrittore triestino e rivolti agli studenti, dai più piccoli ai ragazzi delle superiori. Inoltre un collegamento diretto sarà realizzato per sugellare la collaborazione della rassegna con il Salone internazionale del Libro di Torino (dal 14 al 18 ottobre). Infine si chiuderà con la musica, da sempre, la protagonista dell’evento con il quale il festival si congeda dal suo pubblico. E allora via al ritmo e all’allegria, sabato 23 ottobre, alle 20.45, in Sala Capitol sulle note di Radio*Zastava, formazione unica nel variegato panorama delle band europee di derivazione balcaniche.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni: tel. 0434 26236 info@dedicafestival.it.

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi